Come si diventa modelle subacquee? La nostra guida con foto esclusive (Pt 1)

Dove si possono trovare le sirene del terzo millennio e quali requisiti devono avere queste ragazze per diventare modelle di fotografia subacquea?

Le sirene, le mitiche e fantastiche creature che attiravano i naviganti con la loro bellezza e i loro canti, oggi sono il sogno e la delizia dei fotografi subacquei che vogliono integrare i fantastici panorami sommersi con una viva e stimolante presenza umana. Trovare una bella e brava sirena, anche oggi nonostante la grande diffusione degli sport subacquei, è sempre molto difficile perché la modella deve possedere doti non comuni.

Ma come sono e dove si possono scovare le sirene del terzo millennio? Ce lo siamo chiesti anche noi e dopo una lunga ricerca abbiamo trovato le risposte ai vari quesiti. Abbiamo sentito molti importanti fotografi subacquei e individuato per prima la categoria delle sirene che fanno coppia fissa. Di questo gruppo, che è il più numeroso, fanno parte mogli, compagne o fidanzate dei fotografi. Ci sono poi le modelle occasionali, quelle che si offrono agli obiettivi dei fotografi subacquei in cambio di un bel viaggio e quelle che posano per estemporanee sedute fotografiche nel corso dello loro attività di guida o di istruttore sub.

Infine ci sono le vere sirene, le semi-professioniste del set. Sono le ragazze che hanno tutti i requisiti giusti e che riescono a trarre anche vantaggi economici dalla loro attività. Sono le protagoniste femminili degli spot pubblicitari televisivi, degli annunci pubblicitari di un crescente numero di campagne o le sirene ritratte tra pesci e coralli, nei mari più belli del mondo, dai fotografi più famosi.

LE DOTI DELLE SIRENE SUBACQUEE

Oltre alla pura bellezza, il requisito fondamentale è, possiamo affermare, filosofico: un grande amore per il mare. Le doti fisiche salienti sono due: acquaticità e grazia. Con una perfetta acquaticità, la donna si muove a proprio agio nell’ambiente sottomarino, riuscendo a fondersi con l’elemento liquido al punto da assumere pose artistiche con la massima naturalezza.

Del resto, la bellezza e la grazia del corpo femminile sott’acqua vengono valorizzate ancora di più: un seno scoperto assume la miglior forma anatomica, i fianchi si allungano e si ammorbidiscono, i capelli, sciolti e mossi opportunamente, riescono a creare irripetibili momenti e suscitare rare emozioni.

COME SI DIVENTA MODELLE SUBACQUEE

In genere la strada da percorrere è lunga e non priva di difficoltà. La si fa a braccetto con il fotografo con cui si intende lavorare. Altri requisiti per raggiungere il successo sono la volontà, la costanza, la predisposizione e la pazienza. Naturalmente sono favorite tutte le ragazze che vantano esperienze nel nuoto sincronizzato, uno sport che sarebbe da consigliare a tutte le aspiranti modelle.

Una buona base di partenza la forniscono, per una certa affinità plastica, anche la ginnastica artistica e la danza. Poi, ovviamente, bisogna sapersi immergere agevolmente, in apnea e con l’autorespiratore, con la maschera e senza, muovendosi dolcemente e senza sollevare pulviscolo dal fondale. E’ pure basilare capirsi a gesti con il fotografo e, nelle scene d’azione con i pesci, saper intuire subito la posizione da assumere. (segue)

Gianni Risso

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione