La Grimaldi sventra l’aletta della Tirrenia: il video della collisione a Olbia

Incidente questa mattina al porto Isola Bianca. Lo scalo sardo era spazzato da un forte Grecale che ha spinto il Cruise Bonaria di Grimaldi verso l’Athara della Tirrenia. Il video choc dalla plancia

24 Gennaio 2019 | di Giuseppe Orrù
La collisione tra la Cruise Bonaria e l'Athara vista dal molo
La collisione tra la Cruise Bonaria e l'Athara vista dal molo

Le grida dei marittimi di guardia sulla plancia del traghetto Athara della Tirrenia lasciavano presagire il peggio: “Ci prende, ci prende!“. E così è stato. Il traghetto Cruise Bonaria della Grimaldi, subito dopo aver mollato gli ormeggi dal molo 3 del porto di Olbia, neanche con l’aiuto dei rimorchiatori è riuscito a correggere la manovra su cui infieriva un forte vento di Grecale. E dopo due minuti, interminabili, la Grimaldi ha scapolato la prua della Tirrenia dopo aver sventrato l’aletta di sinistra del ponte di comando.

L’incidente è avvenuto giovedì 24 gennaio nel porto di Olbia Isola Bianca, in Sardegna. I due traghetti si trovavano affiancati e la motonave Cruise Bonaria della Grimaldi, diretta a Livorno, intorno a mezzogiorno ha mollato gli ormeggi dal molo 3. A dritta, ormeggiata al molo 4, si trovava la motonave Athara della Tirrenia, arrivata in mattinata da Genova, destinazione per cui era prevista la partenza in serata.

L’equipaggio dell’Athara ha subito percepito che qualcosa nella manovra della Grimaldi non stava funzionando. Qualcuno in plancia ha tirato fuori il telefonino e ha iniziato a riprendere. Una voce  auspicava l’utilizzo del rimorchiatore, ma il vento di Grecale era forte e la Cruise Bonaria (che fino a qualche mese fa era utilizzata dalla Tirrenia, con un’atipica livrea rossa) si stava spingendo sempre di più verso dritta. La manovra di uscita dal porto era ancora lontana dall’essere completata.

La Cruise Grimaldi aveva passato poco più di mezza nave al traverso dell’aletta sinistra dell’Athara, quando è avvenuta la collisione. Con la parte alta della murata di dritta, a poppavia, la Grimaldi ha divelto due finestroni e parte dei supporti metallici delle vetrate della plancia. Subito dopo l’urto, si è innescato il fumogeno arancione che indica il MOB (Man Over Board), l’uomo a mare, che si trovava nel salvagente anulare all’esterno dell’aletta.

In plancia la situazione era sempre più concitata. L’ufficiale di guardia si è attaccato al Vhf richiamando tutto l’equipaggio ai posti di manovra. Qualcuno, che probabilmente era di riposo e dormiva in cabina, si è precipitato in plancia in pantaloncini per vedere cosa fosse successo. Volavano parolacce, grida e imprecazioni. Cruise Bonaria ha poi proseguito la sua navigazione verso Livorno, dove è arrivata in serata. A bordo di Athara, invece, si è subito iniziato a lavorare per riparare i danni e riprendere la navigazione il prima possibile.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

2 commenti

  1. Francesco ha detto:

    Ma qualcuno conosce il bow trust?e perché entrambe le navi non lo hanno messo al massimo di potenza per evitare la collisione?

  2. Rolando Bocchini ha detto:

    considerato che le condimeteo avverse lo avrebbero permesso:
    1- il pilota poteva consigliare al com.te due rimorchiatori (nel video se ne vede solo uno)
    2- la capitaneria di porto poteva chiudere il porto temporaneamente per avverse condimeteo
    3- la decisione (praticamente forzata ) di uscire è stata lasciata al com.te che se non esce trova il sostituto al porto di arrivo e se esce si assume tutte le responsabilità e forse anche la sostituzione…..il tutto a conferma del “safety first” e…..tempi addietro non era possibile costruire le alette di plancia sporgenti dallo scafo per il motivo che si è visto…..
    cordiali saluti
    Rolando Bocchini

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione