Verso un nuovo Piano Marshall per il settore marittimo. Assarmatori: “2 miliardi per rendere green i traghetti”

Il presidente di Assarmatori, Stefano Messina, lancia il nuovo Piano Marshall per il settore marittimo. Dal mare un effetto moltiplicatore sulla generazione di ricchezza e occupazione a terra

19 Novembre 2020 | di Giuseppe Orrù
Panoramica del Porto di Genova
Panoramica del Porto di Genova

Due miliardi di euro per rinnovare e rendere green le flotte dei traghetti del corto (500 milioni) e lungo raggio (1,5 miliardi), oltre un miliardo per lo sviluppo del cold ironing (l’elettrificazione delle banchine) nei porti e 3 miliardi per lo sviluppo della mobilità a idrogeno. Dall’assemblea di Assarmatori emergono i numeri che danno il senso di una vera e propria virata nella politica marittima italiana, con il riconoscimento a questo settore di una valenza di infrastruttura strategica pari alla rete autostradale e ferroviaria del Paese.

Partendo da questa considerazione, frutto di un’analisi dei contenuti del Piano Next Generation EU (risorse destinate all’Italia per 209 miliardi di euro) e del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) del governo italiano, che il presidente Stefano Messina ha rilanciato una vera e propria sfida per il mare, aprendo l’assemblea annuale di Assarmatori.

Una sfida che è, nei fatti e nei contenuti, una sfida del Paese, considerando che, come anticipato da un’analisi che Assarmatori ha affidato a Nomisma e i cui contenuti nel dettaglio saranno illustrati a breve, ogni euro investito nel settore del trasporto marittimo ne genera altri 3 nell’economia nazionale, così come un posto di lavoro creato nello shipping ne attiva circa quattro nelle aree contigue al settore.

Motivazioni più che valide – ha sottolineato Messina – per ottemperare alle indicazioni dell’Unione europea che, nell’approvare il regime di aiuti del cosiddetto Registro Internazionale Marittimo, ha chiesto all’Italia di estenderne i benefici anche ai marittimi arruolati da imprese europee e imbarcati su navi battenti bandiere dell’Unione“.

Stefano Messina

Gli sgravi contributivi sul costo del lavoro concessi dalla legge 30/98, che istituisce il Registro Internazionale – ha proseguito il presidente di Assarmatori – hanno permesso di invertire la tendenza negativa degli anni Ottanta e di far crescere un’occupazione italiana che ora è tornata a stagnare. Oggi l’unica possibilità di crescita dell’occupazione marittima italiana è legata alla possibilità dei nostri marittimi di lavorare sulle navi armate dalle imprese europee e battenti bandiere dell’Unione. La Commissione Europea lo chiede e siamo convinti che questa modifica dell’impianto normativo porterà grandi sviluppi dell’occupazione”.

Messina ha quindi parlato di stanziamenti “degni di un vero e proprio Piano Marshall per la flotta e ampliamento del regime del Registro, che rappresentano la grande, doppia, occasione per lo sviluppo del settore“. Il solo traffico crocieristico, infatti, impatta per 13 miliardi sull’economia italiana generando 120 mila posti di lavoroe quindi l’innesco di un effetto moltiplicatore sull’economia del Paese“.

 

Giuseppe Orrù

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione