Avete mai sentito parlare del lago assassino? Ecco la scoperta di Erik Cordes

Uno scenario desolante, come se in questo specchio acqueo la vita non fosse mai arrivata

31 Ottobre 2016 | di Redazione Liguria Nautica

Ha una concentrazione di sale cinque volte superiore al normale e, in seguito a recenti prelievi, sono stati riscontrate anche importanti tracce di metano e di solfuro di idrogeno. Una condizione pericolosissima, altamente tossica per qualsiasi specie vivente: si tratta di un bacino acqueo del Golfo Messico e la scoperta porta la firma di Erik Cordes, biologo di fama mondiale.

Lo studioso ha recentemente pubblicato un articolo sulla rivista Oceanography per approfondire meglio questo particolare fenomeno. Uno scenario davvero inquietante, immagini che possiamo osservare grazie al video che EVNautilus ha diffuso sul web. Il servizio realizzato in seguito alle ricerche di Erik Cordes ci mostra un ambiente desolante: il nulla. Nessun segno di vita, se non qualche carcassa di granchio.

Gli animali che si sono addentrati in questo lago della morte non hanno sopportato questa ostile condizione ambientale. Neppure l’uomo riuscirebbe a sopravvivere.

«E’ qualcosa di meraviglioso e di terribile: una spettacolo unico»: la scoperta di Erik Cordes

«Non ho mai visto nulla di così impressionante nel corso della mia vita, ti trovi nel bel mezzo dell’oceano e improvvisamente ti capita di osservare questo fondale completamente morto. Come se non esistessero specie viventi, come se qui la vita non fosse ancora arrivata: è una sensazione difficile da spiegare, è un qualcosa di meraviglioso e di terribile al tempo stesso», queste le parole di Erik Cordes al momento della scoperta.

In realtà la condizione di questo fondale è nota da circa un anno, ma solo negli ultimi mesi si è pensato di approfondire meglio la questione. Cordes ha effettuato diversi prelievi per analizzare meglio la composizione dell’acqua, inoltre, grazie ad alcuni droni subacquei, sono state realizzate le suggestive immagini che possiamo ammirare in questo articolo.

Gli unici a essere immuni da questa letale composizione sono i batteri e alcuni tipi di vermi, qualsiasi altro essere vivente muore nel giro di un poche ore. Una morte orribile, infatti, come ci riferisce lo stesso Cordes, «si finisce come sotto sale, il corpo rimane intatto, quasi imbalsamato».

Paolo Bellosta

Argomenti: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione