Dall’isola d’Elba arriva il Vinum Insulae prodotto con l’uva fatta appassire in fondo al mare

Un viticoltore di Porto Azzurro ha sperimentato una antica tecnica greca depositando sette nasse riempite di grappoli nei fondali marini

3 dicembre 2019 | di Riccardo Bottazzo
Vinum insulae
Un subacquo controlla lo stato di macerazione dei vitigni nelle speciali nasse di vimini

Una ricetta dimenticata, un vino antico, un’immersione subacquea e un esperimento coraggioso. Ci sono tutti gli ingredienti per un romanzo d’avventura. Si tratta invece di un vino. Ma una vino come nessun altro al mondo. Un vino prodotto da un vitigno antico, i cui grappoli sono stati fatti appassire negli azzurri fondali dell’isola d’Elba. Su Liguria Nautica avevamo già scritto di un vino sommerso. L’azienda Bisson di Sestri Levante, infatti, fa invecchiare le sue bottiglie più pregiate sul fondale. Ma in questo caso, è proprio l’uva che viene immersa in mare. 

Proprio come tanti romanzi d’avventura, tutto nasce da un incontro casuale, quello tra il professore di Viticoltura dell’Università di Milano, Attilio Scienza e il l’agricoltore elbano Antonio Arrighi. Il docente aveva studiato le antiche tecniche di viticoltura applicate dai produttori greci dell’isola di Chio oltre 2500 anni fa. Per accelerare la fase di disidratazione dell’uva ed eliminare la pruina dalla superficie degli acini, gli antichi viticoltori greci infilavano i grappoli in ceste di vimini che calavano nel fondale. Il sale marino fungeva da conservante e antiossidante, permettendo ai viticoltori di evitare l’uso dei solfiti e di altre sostanze chimiche che erano sconosciute ai tempi degli antichi greci. 

“Da tanto tempo sognavo di incontrare qualcuno disposto a sperimentare questa tecnica – ha dichiarato in un’intervista a Radio Capital il dottor Scienza – quando si è fatto avanti Antonio Arrighi, uno dei più importanti produttori di vino dell’isola d’Elba, quasi non ci credevo!”.

Il viticoltore Antonio Arrighi, a sinistra, brinda con un calice di Vinum Insulae in compagnia del professor Attilio Scienza

I due si incontrano in occasione della rassegna di vini pregiati ElbAleatico che si svolge ogni anno all’isola d’Elba. Antonio Arrighi è un produttore coraggioso e non nuovo a sperimentazioni. Nella sua azienda vitivinicola, a Porto Azzurro, ha già ricreato vini antichi incrociando uve provenienti da altre regioni. Per il suo vino più famoso, l’Hermia, Arrighi ha optato per la vinificazione in anfore di terracotta, invece che nei consueti contenitori in acciaio o nelle botti in legno, così come si faceva ai tempi della Roma Imperiale. 

Su suggerimento del professor Scienza, il viticoltore elbano sceglie l’ansonica, un vitigno di uva bianca che, tra l’altro, è originario proprio dell’isola di Chio. Per l’esperimento, Arrighi riempie di uva sette grandi nasse di vimini, intrecciate a maglia fine dagli artigiani di Castelsardo, in Sardegna. Due subacquei suoi amici si incaricano di depositarle sul fondale antistante Porto Azzurro ad una profondità di sette metri e, per sette giorni, di monitorare il processo di disidratazione degli acini. Una settimana dopo, l’uva viene riportata in superficie e macerata in anfore di terracotta. 

Tutto questo accadeva nell’autunno di un anno fa. Da questa prima vendemmia sommersa sono state prodotte una quarantina di bottiglie. Il primo assaggio è avvenuto nella primavera ed i risultati sono stati talmente positivi che Antonio Arrighi ha deciso di ripetere l’esperienza questo autunno, con un quantitativo assai più considerevole di uva, per dare il via alla commercializzazione di questo nuovo, e nel stesso tempo antico, vino. Il nome scelto è Vinum Insulae, il vino dell’isola. “Assaporare questo vino – ha dichiarato il professor Scienza – è come evocare un mito e associare alla memoria di qualcosa di antico un gusto moderno”. 

Argomenti: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. Daniela ha detto:

    Bravissimo.in.tutto

Potrebbe interessarti anche

Viaggi

Ottima annata per i vini di Levante

  • 16 settembre 2011

Grazie all’eccezionale meteo estivo, fra piogge a luglio e sole e caldo a settembre, abbondante vendemmia 2011 a Chiavari.

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione