Il sub genovese Massimo Domenico Bondone scopre il relitto di un sommergibile inglese

Il ritrovamento è avvenuto nelle acque sarde nei pressi dell’Isola di Tavolara.

30 Maggio 2016 | di Redazione Liguria Nautica

L’esperto sommozzatore genovese Massimo Domenico Bondone, nei giorni scorsi, ha coronato il suo ultimo sogno e ha scoperto il sottomarino inglese ”P311” che affondò nel lontano gennaio del 1943 nelle acque della Sardegna nord orientale.

Bondone è un vero “wreck hunter”, ovvero cacciatore di relitti, che da decenni si dedica con passione maniacale, preparazione e mezzi tecnici sofisticati alla ricerca di vestigia del passato. Nel corso degli anni ha già fatto diverse scoperte importanti, anche in collaborazione con i suoi amici dell’AIDMA, associazione italiana documentazione marittima e navale e fa tutto a sue spese.

Bondone, per il suo ultimo ritrovamento si è avvalso della logistica dell’Orso Diving di Corrado Azzali che ha una splendida base operativa a Poltu Quatu in Gallura e fornisce assistenza anche per le immersioni più tecniche e profonde.

La squadra era impegnata nella ricerca da alcuni giorni e, anche se ostacolata dal maltempo, ha conseguito l’eccezionale risultato, sicuramente grazie all’innegabile fiuto di Bondone che ha puntato sulla zona giusta al largo dell’Isola di Tavolara ma il punto preciso, per ovvie ragioni non lo rivelerà mai al pubblico.

Quando è sceso alla profondità di 90 metri, in acqua piuttosto limpida, Bondone ha capito subito di essere di fronte al suo obiettivo: il P311, lungo quasi 90 metri e largo 8. L’unità navale inglese era alla sua prima missione e avrebbe dovuto colpire due incrociatori della MM italiana “Gorizia” e “Trieste” ma si imbatté in un campo minato prima di riuscire ad avvicinarsi alla base all’Isola della Maddalena.

Quasi l’intera struttura del sottomarino è integra e molto probabilmente al suo interno ci sono ancora i 71 uomini dell’equipaggio che morirono per l’esaurimento delle scorte d’aria.

Bondone ci ha confermato che secondo le leggi della marineria nessuno si permetterà di andare a profanare la tomba dei poveri ragazzi che rimarranno per sempre nella loro sepoltura sommersa.

Gianni Risso

Foto Orso Diving e Massimo Domenico Bondone.

All fotosub

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Subacquea

La nave dei crociati: fuga dalla città in fiamme

Dopo tre anni di studi è stato stabilito che la nave crociata ritrovata nel mare davanti ad Acri è sicuramente una di quelle che non riuscì a fuggire dalla distruzione perpetrata dai Mamelucchi nel 1291

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione