Nasce Aequorea, la città dei grattacieli subacquei di Vincent Callebaut

Una città subacquea per fronteggiare il perenne aumento del livello di mari e oceani. Un'idea davvero curiosa...

30 Dicembre 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Ogni giorno leggiamo notizie riguardanti il continuo aumento del livello di mare e oceani, notizie spesso catastrofiche che prevedono scenari apocalittici per il nostro pianeta, una sorta di Day After Tomorrow per dirla alla Hollywood. La continua immissione di anidride carbonica nell’atmosfera terrestre non può che avere effetti deleteri per l’inquinamento terrestre e per la salute del nostro pianeta, questo è certo, però spesso si degenera prevedendo devastazioni catastrofiche ed imminenti.

Vincent Callebaut : le case del futuro

In questo senso non può che risultare alquanto curiosa la visione di Vincent Callebaut , la sua idea per le case del futuro. Ovviamente lo sfondo non poteva che essere un ambiente marino, considerando un imminente allarme climatico determinato dall’innalzamento di mari e oceani.

Per questo, Vincent Callebaut ha ideato un intero villaggio che dalla superficie dell’oceano affonda le sue radici fino al fondale, insomma come se si trattasse di grattacieli subacquei. Gli edifici, da quanto emerge dall’ipotetico progetto, dovrebbero essere costruiti interamente con la stampa 3D riciclando rifiuti plastici in un biomateriale composto anche da alghe.

L’architetto francese è uno dei sostenitori e dei pionieri della architettura archibiotica e presenta queste strutture come degli organismi viventi che crescono, come conchiglie, grazie alla calcificazione, utilizzando membrane per filtrare l’acqua e alghe per creare energia. Uno degli obiettivi della ‘filosofia’ del designer Vincent Callebaut è infatti l’abbandono dei combustibili fossili per porre fine ai conflitti sorti a causa delle risorse energetiche. Sul suo sito web, il designer e architetto francese ha descritto l’idea con i disegni del progetto di questa cittadina utopistica, ancora immaginaria, ribatezzata col nome di Aequorea. Dove dovrebbe essere collocata? A quanto pare, al largo delle coste del Brasile.

Un progetto utopistico e di ardua realizzazione, ma davverro ingegnoso e interessante. Un’idea che solo una mente sveglia ed elastica, come quella di Vincent Callebaut, avrebbe potuto partorire.

Foto: repubblica

Paolo Bellosta

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione