Da Garmin la nuova frontiera della sicurezza outdoor per comunicare ovunque nel mondo

Garmin inReach mini è un piccolo dispositivo che, tramite il satellite, permette di comunicare, chiedere aiuto e rimanere in contatto con una centrale operativa che informerà in tempo reale sull’avanzamento dei soccorsi

17 giugno 2019 | di Giuseppe Orrù
Andrea Fantini intervistato da Liguria Nautica
Andrea Fantini intervistato da Liguria Nautica

Senza arrivare agli sport estremi, immaginiamo una semplice crociera domenicale o una veleggiata con gli amici. Allontanandosi ad un miglio dalla costa, il segnale Gsm del telefonino inizierà a fare i primi capricci. A due miglia, il segnale sarà pressoché assente.

E ovviamente in quella situazione potrebbe accadere di tutto e ci potremmo trovare nelle condizioni di non comunicare per chiedere aiuto. “Spesso i diportisti non si rendono conto che potrebbero trovarsi in questa situazione -spiega Andrea Fantini, velista e navigatore oceanico- sottovalutando un rischio che in molti pensano possiamo correre solo noi navigatori oceanici. Non è così“.

Economico e compatto, da Garmin arriva l’inReach mini, uno strumento che sta nel palmo di una mano e che, in soli 120 grammi di peso, offre un sistema di messaggistica satellitare bidirezionale. Questo nuovo dispositivo utilizza la copertura globale della rete satellitare Iridium per inviare e ricevere messaggi di testo ed e-mail da qualsiasi parte del mondo.

In caso di emergenza, inReach Mini offre inoltre la possibilità di inviare SOS geolocalizzato al centro di emergenza Geos, permettendo anche di interagire con i soccorsi per essere sempre aggiornato sul loro arrivo o per ulteriori informazioni. La centrale operativa di Geos è negli Stati Uniti ma l’operatore che risponderà sarà in grado di parlare la lingua del Paese in cui è stato registrato l’inReach mini.

Nella sua versione marina, Garmin inReach mini viene fornito con una staffa per alloggiare lo strumento in plancia. Il prezzo consigliato al pubblico è di 399 euro.

A COSA SERVE

Presentato da Garmin come “la nuova frontiera della sicurezza outdoor”, Garmin inReach mini trova applicazione in qualsiasi mondo sia legato all’aria aperta e soprattutto alla frequentazione di luoghi in cui sia difficile comunicare: in mare, in montagna, nel deserto, tra le colline in cui il telefonino non ha campo e sulla neve.

Garmin inReach mini

Garmin inReach mini

InReach mini consente di comunicare tempestivamente situazioni di pericolo o di difficoltà in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo ci si trovi, ricevendo assistenza immediata. Uno strumento davvero importante per l’attività outdoor, che permette di vivere le proprie avventure con la sicurezza di essere sempre in contatto con chiunque si desideri.

Una volta ricevuto il messaggio di SOS dalla centrale Geos, gli utenti inReach possono interagire con un operatore (che

 

identificherà la posizione dalla quale arriva il messaggio), comunicare la tipologia di emergenza, la gravità del problema e ricevere immediatamente indicazioni su come gestire la situazione in attesa dell’arrivo dei soccorsi.

È anche possibile impostare un elenco di contatti in modo che possano essere avvisati qualora sia inviata una richiesta di SOS dal dispositivo. Il display, perfettamente leggibile anche sotto la luce diretta del sole e l’interfaccia utente intuitiva, rendono la comunicazione tramite inReach mini veloce e pratica.

IL TELEFONINO PER INTERAGIRE CON INREACH MINI

Scaricando l’app Earthmate sul proprio smartphone o tablet, inReach Mini, tramite Bluetooth, può essere associato a dispositivi compatibili per accedere comodamente a mappe e immagini aeree, per avere ancora più informazioni sull’ambiente che si sta attraversando e per digitare più comodamente i messaggi di testo.

Inoltre, per essere sicuri di raggiungere ogni waypoint prestabilito e seguire un percorso specifico, ogni dispositivo inReach Mini consente agli utenti di accedere alla piattaforma cloud-powered Explore, che permette di creare percorsi e di comporre messaggi preimpostati o testi rapidi da inviare ai propri contatti. Infine, sono disponibili tre opzioni di richiesta previsioni meteo della propria posizione o dei punti lungo il proprio percorso, che siano essi sulla terraferma o in mare.

L’UTILIZZO A BORDO

All’InReach Safety day promosso da Garmin, abbiamo intervistato Andrea Fantini, velista e navigatore oceanico, che nel videoservizio in fondo all’articolo ci racconta come durante le sue traversate (anche non in solitaria) utilizzi costantemente il suo Garmin inReach mini.

A bordo abbiamo molta strumentazione che ci permette di comunicare ma io -ci rivela Fantini- utilizzo Garmin inReach mini anche per motivi più social, per sentire i miei amici e la famiglia“. Lo stesso vale per tutti gli altri ambassador Garmin, professionisti dell’alta montagna o del deserto, che oltre ad aver raccontato di aver potuto comunicare in qualsiasi parte del mondo, hanno confidato di utilizzarlo anche durante una passeggiata sulle montagne dietro casa, dove non sempre il telefonino prende.

La mission di Garmin non è soltanto quella di esplorare e navigare ma di “consentire a ciascuno di vivere le sue passioni in sicurezza“, come spiega nella nostra videointervista Carlo Brevini, responsabile Comunicazione e Marketing di Garmin Italia.

Garmin Gpsmap 66i

Garmin Gpsmap 66i

IL “FRATELLO MAGGIORE” GARMIN GPSMAP 66I

Per chi cerca uno strumento ancora più completo, Garmin ha appena presentato il Gpsmap 66i, il palmare con un ampio schermo da 3 pollici, che racchiude un portatile che sintetizza 30 anni di esperienza nella navigazione Gps e la combina con una tecnologia di comunicazione satellitare all’avanguardia, funzione che già distingueva la precedente gamma di palmari Garmin inReach.

Combinando i sistemi satellitari Gps, Glonass e Galileo con gli evoluti sensori interni (altimetro, barometro, bussola) e con l’ampia scelta cartografica disponibile, Gpsmap 66i garantisce agli appassionati una navigazione efficace e sicura in qualunque angolo del mondo. Il prezzo consigliato al pubblico è di 599,99 euro.

 

Giuseppe Orrù

Argomenti: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione