“Indossate i giubbotti di salvataggio”. In città e in ufficio zaini e borse per chi cerca sempre il legame con il mare

La Pelletteria Fusella di Viggiù (Varese) propone una linea di prodotti giovani e originali: uno zaino e una borsa realizzati con il materiale dei salvagenti, con tanto di fischietti e inserti catarifrangenti

7 Dicembre 2019 | di Giuseppe Orrù

“Indossate i giubbotti di salvataggio”. Non perché stiamo per naufragare, ma per comunicare a tutti, in città e in ufficio, il vostro legame con il mare, con la nautica e unire un elemento tipicamente marinaresco, come un salvagente, con degli accessori di uso quotidiano, come uno zaino o una borsa.

La nuova linea di accessori “Fornoforgetting”, realizzata dalla Pelletteria Fusella, arriva da Viggiù, in provincia di Varese, e vuole portare il mare in città, nella quotidianità di ciascuno. Lo fa ogni giorno, con la gamma di prodotti al 100% realizzati in Italia, del brand Fusella Made in Italy, che è possibile trovare anche sul canale televisivo QVC Italia.

Ora vuole entrare nella quotidianità di chi vive lontano dal mare e di chi, pur abitando sul mare, considera abissale la distanza tra l’ufficio e il suo ormeggio. Per realizzare zaini e borse, la Pelletteria Fusella ha utilizzato lo stesso materiale dei giubbotti di salvataggio. Ma non si è limitata a riproporre il consueto tessuto arancione. Ha inserito anche gli accessori di un salvagente: il fischietto, l’etichetta di omologazione, le cinghie con le fibbie a sgancio rapido e gli inserti catarifrangenti.

Fornoforgetting è un progetto che non punta a creare semplici borse, ma a porre l’accento sulle persone. Un progetto che nasce da un’idea del designer italo-irlandese Meme Rancilio, in collaborazione con la Veleria San Giorgio, che Liguria Nautica vi aveva già presentato in questo servizio.

LA PROVA DI LN

Abbiamo tenuto in mano questi due accessori, così singolari. Li abbiamo utilizzati sia in località di mare, sia lontani dal mare. E la sensazione è stata sempre la stessa. Oltre ad aver incuriosito tantissimo molti dei passanti che incrociavamo per strada, utilizzando borsa e zaino si percepisce il concetto di “Made in Italy”, di cui la famiglia Fusella, con la sua pelletteria, ne è una fiera rappresentante. Cuciture, dettagli e qualità dei materiali non si discutono.

Il fischietto e l’etichetta di omologazione dei salvagenti rendono subito l’idea e permettono anche ai più digiuni di nautica di capire la filosofia del prodotto. Del resto basta aver fatto una crociera per essere entrati in contatto con un giubbotto di salvataggio, quantomeno durante la simulazione di abbandono nave. Poi ci sono gli inserti catarifrangenti, che spostandosi di sera, a piedi o in bicicletta, aumentano la sicurezza di chi indossa lo zaino o la borsa durante il tragitto.

I materiali dei giubbotti di salvataggio (tessuto, cinghie e fibbie in particolare) sono robusti per definizione, quindi il solo impiego di questa tipologia di tessuto è già garanzia di resistenza e rendd gli accessori waterproof. L’idea messa a punto dalla Pelletteria Fusella è geniale. Va oltre al messaggio che ha voluto lanciare, invitando il pubblico a “non dimenticare” il dramma di chi attraversa il mare in cerca di una vita migliore, e ribadendo il concetto di riciclo dei materiali, ormai sempre più diffuso.

L’idea di Meme Rancilio, diventata realtà grazie alla Pelletteria Fusella, è una scelta di stile. Una scelta importante, perché di certo non passerete inosservati con tutto questo arancione. Ma nessuno avrà dei dubbi: la vostra testa e il vostro cuore sono già a bordo di una barca. Ammesso che siano mai sbarcati.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

NAVIGARE SICURI – La preparazione della barca e dell’equipaggio

  • 21 Gennaio 2013

Assieme a Paolo Vianson, docente dei corsi ISAF Offshore Personal Survival, abbiamo deciso di dar vita a una rubrica che tratti della sicurezza in mare, spesso sottovalutata, soprattutto in Italia. In questa prima puntata introduttiva, Paolo vi… indurrà a riflettere!

Eventi e fiere

Seatec 2012, ecco tutte le aziende liguri

  • 6 Febbraio 2012

L'elenco dettagliato di tutte le aziende liguri che parteciparanno alla decima edizione del Seatec, in programma a Carrara dall'8 al 10 di febbraio

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione