SPECIALE TECNICA – Gli imprevisti della prima crociera

La barca è pronta e tutti i lavori di manutenzione sono stati fatti: ma avete con voi i ricambi delle luci di via? Avete una girante di riserva? I serbatoi sono stati puliti con l'amuchina?

6 maggio 2013 | di Redazione Liguria Nautica

La barca è tornata in acqua dopo i lavori invernali ed è tempo di programmare le prime crociere approfittando del tiepido sole primaverile che invoglia a trascorrere in mare un bel weekend. Prima di mollare gli ormeggi però, non dimentichiamo di fare un ultimo check-up alla barca per assicurarci che tutto, ma veramente tutto, sia in ordine e funzionante.

 

Partendo dal presupposto che tutti i grandi interventi (rimessaggio motore, controllo prese a mare, boccole etc) siano stati già fatti durante l’inverno, a turbare la vostra prima crociera potrebbero essere piccoli contrattempi comunque fastidiosi. Andiamo a vedere quali.

 

Un classico intramontabile degli imprevisti della prima crociera stagionale è quello delle luci di via: si mollano gli ormeggi senza verificarne il funzionamento (perche’ non dovrebbero accendersi?) e alla prima notte in mare all’ordine “Accendi le luci di via” cala l’oscurità più impenetrabile. Ricordatevi sempre di prendere a bordo le lampadine di riserva ma possibilmente verificate l’accensione prima di partire: lunghi periodi di inattività possono ossidare i contatti o mettere fuori uso le piccole lampadine. Astenetevi da rimedi empirici del tipo “dagli una botta che vediamo se si accende”, peggiorerete le cose. Occorre mettersi di pazienza e smontare il faro, svitare la lampadina e vedere se è fulminata e cospargere i contatti con un apposito liquido sbloccante. Le luci di prua sono quelle più soggette alle infiltrazioni d’acqua e di conseguenza è più facile che diano problemi.

 

L’altro classico dei contrattempi della prima crociera è la girante: nei mesi di inattività la gomma dell’elichetta potrebbe essersi seccata e al primo utilizzo la girante va in pezzi, il motore fa fumo e non sputa più acqua: avete con voi il pezzo di ricambio? Mai partire senza, potrebbe essere di fondamentale importanza.

 

Se avete superato senza eccessive crisi di nervi i primi due ostacoli state per godervi il vostro primo bagno, sognato nei lunghi mesi invernali. Cosa c’è di meglio di una bella doccia appena usciti dall’acqua per levare il sale dalla pelle? Aprite la pompa ed ecco che un fetore di marcio vi assale: l’acqua del serbatoio sembra quella di una pozzanghera stagnante. Cosa succede? Non avete pulito con amuchina il serbatoio dell’acqua. Anche se siete convinti di averlo svuotato completamente durante l’inverno, una piccola quantità d’acqua è sfuggita alla pompa ed è rimasta per mesi ferma sul fondo, mischiandosi a quella che avete caricato prima della partenza per la crociera. La soluzione a questo fastidio è quella di riempire un paio di volte con acqua e amuchina il serbatoio e svuotarlo, così da essere sicuri di eliminare l’acqua stagnante e con essa il cattivo odore. E adesso godetevi pure la vostra prima vacanza.

 

Mauro Giuffrè

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione