Al via il GP d'Italia Mini 6.50: parla Caracci

16 Aprile 2010 | di Redazione Liguria Nautica

Caracci su SpeedyDomani si parte. E non si scherza: un percorso di 540 miglia è roba da “duri. Il Gran Premio d’Italia classe Mini 6.50, in questo 2010, riproporrà lo stesso percorso della passata edizione, sperando che Eolo e Nettuno siano magnanimi, a differenza di quanto è accaduto l’anno scorso. Mare forza 6, vento improponibile e conseguenti ritiri, avarie e meno marinareschi mal di mare. Un incubo per tutti i ministi in gara, che hanno somatizzato e si presentano suddivisi in 24 compagini a questo GP, che si annuncia mozzafiato. Da Genova, gli equipaggi, composti da due persone, e suddivisi in 8 prototipi e 16 scafi di serie, si dirigeranno verso Capraia, per poi rasentare le coste sarde fino a La Caletta. Da lì, fino a Giannutri e l’arcipelago toscano, dove l’anno scorso i concorrenti hanno incontrato le maggiori difficoltà, per poi fare ritorno al porticciolo “Duca degli Abruzzi”, sede dello Yacht Club Italiano, patrocinatore dell’evento assieme alla classe Mini Italia. Per ligurianautica.com parla in esclusiva Andrea Caracci (YCI), uno dei favoriti della regata, che prenderà il via a bordo del proto “Marina di Loano” in coppia con l’esperto Gaetano Mura.

 

A fine marzo, hai trionfato nella Arcipelago 6.50. Farai il bis, o come Paganini, non replichi?

<<Ce la metteremo tutta, ma quest’anno un avversario più ostico non poteva capitarci. Tra gli iscritti, avrete notato il nome “Teamwork”, la barca dello svizzero Etienne, in duo col francese Le Diraison. Progettato da Sam Manuard nel 2007, questo proto è arrivato quarto alla Mini Transat! Dovremo fare i salti mortali per tenerlo alle nostre spalle>>

Mini Transat. Un nome che ti evoca dei brutti ricordi. Rimossa la rabbia frutto della tua disavventura (in testa alla flotta, Caracci ha disalberato in prossimità delle isole di Capo Verde, vedendo sfumare i suoi sogni di vittoria e di piazzamento, ndr)?

<<Parzialmente, solo parzialmente…>>

Sei al GP con la tua vecchia barca, ITA 431. E “Speedy Maltese”?

<<Sta bene, ormeggiata in un porto dell’Atlantico: spero di riuscire a venderla. Ad ogni modo, “Marina di Loano”, pur essendo vecchiotta (del 2003, ndr), ha dimostrato di avere competitività da vendere nell’ambito della  Arcipelago 6.50>>

Con Gaetano come ti trovi?

<<Credo funzionerà tra noi. Gaetano si è proposto di salire a bordo con me per provare una barca differente dalla sua. Noi, avversari di sempre, ora ci ritroviamo assieme, anche se per una sola regata. Ci sarà da divertirsi>>

Progetti futuri?

<<Vorrei andare avanti con i Mini, esclusivamente da professionista. All’estero la vela solitaria è un lavoro, io rimango un dilettante, pur dedicando all’attività tempo e denaro. Puoi decidere di partecipare senza sponsor, e privo di un’equipe che ti segua giorno per giorno, ma si finisce col fare sempre delle figuracce. Se non troverò qualcuno disposto a darmi una mano…beh non ci voglio pensare>>.

 

E ora, basta parole. Si puntano le prue verso l’orizzonte, come folli danteschi. Cinque giorni circondati dal blu del Mediterraneo, a lottare per la vittoria.

 

 

Eugenio Ruocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione