Baltic 142 Canova, su un 43 metri bastano due persone d’equipaggio

Baltic 142 Canova rivoluziona la crociera a vela con soluzioni all'avanguardia su un cruiser che girerà il mondo

23 gennaio 2019 | di Gregorio Ferrari
Baltic 142 Canova
Baltic 142 Canova

Nelle sale dello Yacht Club Italiano di Genova, il più antico del Mediterraneo, a dicembre è stato svelato un progetto che rivoluziona la crociera a vela: il Baltic 142 Canova, maxi yacht di 43 metri.

Canova 142 è l’ultimo progetto di Baltic Yachts e dovrebbe toccare l’acqua nella primavera del 2019. Un gigante del mare, 43,33 metri di lunghezza per 9 di larghezza, che si appresta a girare il mondo. Questa barca non nasce per le regata ma vanta a  bordo tantissima tecnologia ed un lavoro di progettazione da top yacht.  Anche senza la parte “race”, sarà lo stato dell’arte  per quel che riguarda la crociera a vela.

43 metri, foil e chiglia retrattile: pronti a stare comodi?

Il Baltic 142 Canova è un 43 metri con chiglia retrattile, foil DSS, un piano velico con randa square top e volanti. Queste caratteristiche sarebbero normali se la barca in questione fosse una barca da regata pura. Invece questa imbarcazione è studiata per la crociera e l’easy sailing. Le sue grandi dimensioni sono dovute alla presenza di una cabina armatoriale a centro barca e di un ampio tender garage a poppa, che hanno influenzato tutto il layout interno.

La comodità è alla base e con la cabina armatoriale a centro barca gli effetti “collaterali” del mare si sentono meno (per chi si trova all’interno). Se a questo accorgimento aggiungiamo che il beccheggio ed il rollio (i movimenti della barca in acqua) sono sensibilmente ridotti dai foil DSS (delle “ali” che stabilizzano lateralmente la barca), capiamo anche il perché di questa soluzione tipicamente “race”. E poi?

Bastano due persone per 43 metri

Quando c’è poco vento la grande randa square top e le volanti permettono di sfruttare al meglio le condizioni, ma bastano poi due persone per ridurre la vela e non dover usare più le volanti (che possono essere d’ostacolo). L’easy sailing è fondamentale in questa barca che nonostante le dimensioni può essere condotta senza problemi con un equipaggio ridotto grazie al sistema di automazioni e semplificazioni di bordo. In sostanza due persone sono in grado di gestire tutto, comprese le centinaia e centinaia di metri quadri di vele, 18 metri di boma (oltre alle vele di prua).

baltic yacht canova

Baltic 142 Canova

L’aria di mare diventa condizionata

Una delle caratteristiche di Canova 142 è che non ci sono osteriggi (aperture) in coperta e quindi il ricambio d’aria è principalmente affidato all’aria forzata. In questo modo si crea un ambiente che ricorda quello di una villa, sospesa però in mezzo al mare e navigante. Un’altra chicca saranno le cabine flottanti con pannelli staccabili. Tutta la barca – e con “tutta” intendiamo anche ciò che le cabine di solito nascondono – sarà facilmente raggiungibile grazie ad un sistema di pannelli staccabili che semplificherà ogni tipo di intervento a bordo. Inoltre le cabine saranno costruite con un sistema particolare di pannelli intorno per ridurre al massimo rumori e vibrazioni.

Addio benzina, solo elettrico!

Nel mondo delle soluzioni sostenibili Canova 142 stupisce tutti perché è completamente elettrica, non ha un motore termico ed è autosufficiente dal punto di vista energetico. Se si pensa che tutte le manovre (tutto ciò che sono le regolazioni delle vele e della barca come le issate e tanto altro) sono comandate elettricamente, si comprende, almeno in parte, la portata del lavoro tecnologico su questa barca. Come si genera l’energia? Principalmente con il trascinamento dell’elica. A 14 nodi questa barca produce 20 Kw perdendo per l’attrito solo mezzo nodo.

Scheda tecnica:

  • LOA: 43.33 metri
  • DWL: 41.60 metri
  • BEAM: 9.00 metri
  • DRAFT: 6,50/ 3,80 metri
  • Displacement: 145.000 kg
  • Ballast: 49.000 kg
  • Naval Architect: Farr Design Yacht
  • Exterior Designer: Micheletti + Partners
  • Interior Design: Baltic Yachts / Micheletti + Partners

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 commento

  1. Stefano spangaro ha detto:

    Non é così semplice come la raccontate voi..solo per ormeggiare c’è ne vogliono di più, per non parlare dell ingegnere di bordo che ne ha di lavoro da fare…e 20 kw bastano appena per L.aria condizionata, per non parlare di winch PTO, ecc… non confondete la gente, per navigare in assetto da traversata 12 persone…ciao spanghy

Potrebbe interessarti anche

Eventi e fiere

Arriva il nuovo Stig, la superbarca di Alessandro Rombelli! FOTO e VIDEO

  • 7 giugno 2012

Il nuovo Mini Maxi di 72 piedi del ligure Alessandro Rombelli, costruito da Baltic Yachts su progetto di Judel/Vrolijk, sarà attrezzato da Ubi Maior Italia e stazionerà alla Marina di Varazze. Lo scafo, costruito con le più moderne tecnologie, presenta linee eleganti. Questione di stile. Anzi, di Stig

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione