Con Tita e Banti l’Italia della vela conquista l’oro alle Olimpiadi di Tokyo: ecco il segreto del loro successo

Ruggero Tita e Caterina Banti hanno conquistato la quinta medaglia d'oro per l'Italia nella classe dei catamarani volanti Nacra 17

3 Agosto 2021 | di Andrea Henriquet

Nelle regate “normali” si vince con la preparazione della barca, l’organizzazione dell’equipaggio, la conduzione, le manovre, con tattica e strategia gestite con tempi e velocità “normali”. Da quando gli scafi hanno iniziato a volare, a raggiungere velocità inimmaginabili qualche anno fa, la conduzione è invece diventata “feeling con la velocità“, capacità di rimanere in volo, mentre la tattica è un insieme di schemi pre-studiati e messi in pratica quasi a livello di istinto, o per dirla meglio, di intuito immediato. Quindi c’è la necessità di allenamenti continui con migliaia di virate, strambate e speed test in tutte le situazioni.

Poi ci sono le Olimpiadi, dove è necessario fare uno scalino in più, dove la testa, la mentalità, la gestione dell’emozione fa probabilmente la classifica finale tra tanti equipaggi di campioni che si sono allenati per 5 anni con la stessa intensità, che hanno la stessa voglia di vincere. Allora, c’è forse un denominatore comune, una scia bianca che unisce le Olimpiadi di Rio, Luna Rossa ed il meraviglioso oro di Ruggero Tita e Caterina Banti ai Giochi olimpici di Tokyo nella classe dei catamarani volanti Nacra 17.

Ed è un filo che passa da Palermo, da quei fratelli Bruni che abbiamo conosciuto come grandi campioni e che hanno messo in acqua un grande carisma e una grandissima capacità di lavorare in squadra e di trasmettere la giusta serenità ma anche la giusta pressione, che ti fa dare davvero il 100% di quello che hai dentro. Francesco Bruni era timoniere di Luna Rossa, che si è giocata l’America’s Cup contro i neozelandesi. Ganga Bruni era allenatore a Rio e con l’equipaggio Bissaro-Sicouri aveva sfiorato la medaglia.

Se Ruggero Tita e Caterina Banti sono stati perfetti, uno per il “feeling” con la velocità e l’altra in manovra e in carattere, se non hanno fatto errori, se anche quando erano indietro sono rimasti concentrati e hanno rimontato, vuol dire che c’è una mentalità di squadra che va oltre al talento individuale, che è già grande. Possiamo solo immaginare che pressione ci sia in una regata così corta, dove ci si gioca 5 anni di duro lavoro.

Tita Banti Italia oro olimpico

Ruggero Tita e Caterina Banti

La sensazione che ci ha trasmesso Gabriele Bruni conle sue analisi serie, serene e obiettive, che avevamo già apprezzato quando commentava le imprese del fratello su Luna Rossa, ci fanno ben sperare e credere che finalmente, anche nella vela, sia nata un’organizzazione in grado di dare valore aggiunto ai talenti, di non lasciarli soli con le loro capacità tecniche, di non aspettare il campione che vincerebbe sotto qualsiasi bandiera. C’è un filo di continuità tra Luna Rossa e le Olimpiadi e con questo oro forse è nata una Scuola italiana.

 

Fonte foto: https://www.facebook.com/ConiNews/

 

Andrea Henriquet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. Marco V. ha detto:

    Speriamo che almeno una medaglia d’oro, anzi due, possa fare un modo che lo sport delka vela sia debitamente considerato dai rappresentanti delle nostre istituzioni, dal momento che un grande risultato come quello di Luna Rossa non ha nemmeno prodotto un ricevimento nei palazzi di Roma

Potrebbe interessarti anche

Vela

La Federvela per il 2017 cambia rotta: ecco le novità.

  • 29 Gennaio 2017

Inizia con grande energia il 2017 della Federvela, con il presidente Ettorre che intende portare avanti progetti a 360°, per rinnovare e far crescere tutto il mondo della vela italiana e riportare l'Italia ad alti livelli alle Olimpiadi.

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione