Sapresti gestire un’emergenza a bordo? Scoprilo a terra con il corso di sopravvivenza di Skipperclub!

Cosa fare quando il peggio arriva davvero? Scoprilo con il corso di sopravvivenza di SkipperClub alla Scuola di Mare Beppe dello Yacht Club Italiano

28 gennaio 2018 | di Gregorio Ferrari
Zattera gonfiabile in piscina, al corso di sopravvivenza di SkipperClub
Zattera gonfiabile in piscina, al corso di sopravvivenza di SkipperClub

Le notizie di incidenti in mare a causa dei motivi più disparati sono all’ordine del giorno e la parola chiave è sempre una, sicurezza. Quanti possono dire con certezza che saprebbero gestire una situazione d’emergenza rimanendo lucidi e freddi? Non si può conoscere la risposta a questa domanda, se non nello sciagurato di ritrovarsi nelle circostanze sbagliate . Quello che si può fare è conoscere come agire e quali sono le priorità in determinate situazioni.

Dalla collaborazione tra SkipperClub e la Scuola di Mare Beppe Croce, allo Yacht Club Italiano, è nato un corso che affronta i temi della sicurezza secondo il protocollo Offshore Special Regulation dell’ISAF. Questo percorso fornisce le competenze necessarie per prevenire e affrontare le emergenze in mare. Un know-how che sia il velista regatante che lo skipper istruttore sono tenuti a possedere non solo per la propria sicurezza, che anche per quella di tutto l’equipaggio.

Il corso di sopravvivenza Skipperclub: come prepararsi al peggio!

Il corso è suddiviso in due giornate, con le lezioni teoriche in aula al sabato, dove verranno analizzate le situazioni peggiori che si possono presentare come avarie, acqua e fuoco a bordo, condizioni meteo rischiose, emergenze mediche, dallo shock all’ipotermia. Inoltre ci sarà un focus sulle normative specifiche, sulle dotazioni di bordo e riguardo le tematiche di responsabilità della persona al comando. Per la domenica, secondo giorno di corso, si svolgerà una prova pratica in acqua di mare o in piscina: verranno illustrate le tecniche di nuoto e sopravvivenza, insieme all’apertura della zattera di salvataggio.
Al termine delle prove, dopo un test finale, sarà rilasciato il certificato ISAF o WorldSailing, con validità di cinque anni, necessario sia per poter partecipare alle regate d’altura che per registrare il Commercial Endorsement per i Certificati RYA. Il rinnovo si terrà in sole 8 ore di corso e sarà richiesto il certificato scaduto.

Programma:

• Normative Offshore Special Regulations 6.01
• Responsabilità della persona al comando
• Dotazioni di sicurezza personali e collettive, loro corretto utilizzo e manutenzione
• La zattera di salvataggio, quale scegliere e come si usa.
• Uomo e mare Life Lines
• Avarie acqua e fuoco a bordo, perdita dell’organo di governo
• Preparazione ed equipaggiamento della barca
• Vele di cappa
• Emergenza medica, ipotermia

 

Argomenti:

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Skipperclub, per la tua crociera in barca a vela

  • 30 giugno 2015

Arcipelago della Maddalena, Corsica Nord, isole Porquerolles, isole Pontine e Flegree, arcipelago Toscano, isole Egadi e Grecia Ionica e voi che vacanza scegliete?

Mercato nautica

Skipperclub cresce: apre la nuova base di Lavagna

  • 8 maggio 2014

SkipperClub conquista definitivamente la Liguria: con l’inaugurazione dell’ultima base nautica di Marina di Lavagna l’offerta è ampliata a tutte le mete più suggestive della costa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione