Ferito grave alle Vele d'epoca d'Imperia: americano ubriaco spara razzi ad altezza d'uomo

A farne le spese il povero Sergio Galvagno, imperiese di 49 anni, colpito in pieno volto. L'uomo ha perso l'occhio, è uscito dal coma farmacologico ma dalle notizie che circolano presenta gravi deficit neurologici

14 Settembre 2014 | di Redazione Liguria Nautica

Una festa finita in tragedia per il gesto di una persona irresponsabile e sotto l’effetto dell’alcool. E’ questo il bilancio agghiacciante dell’edizione 2014 delle Vele d’Epoca d’Imperia: durante una delle serate di festa, in preda all’ebbrezza incontrollata, il settantunenne americano William Mc Innes, armatore di una delle barche inregata nella manifestazione, ha pensato bene di esplodere alcuni razzi di segnalazione, uno dei quali ad altezza d’uomo verso la folla. A farne le spese il povero Sergio Galvagno, imperiese di 49 anni, colpito in pieno volto.

 

L’uomo ha perso l’occhio, è uscito dal coma farmacologico ma dalle notizie che circolano presenta gravi deficit neurologici. Un episodio che ha dell’incredibile, l’americano è attualmente in stato di fermo con l’accusa di lesioni gravissime. Il gip è al lavoro per stabulire la dinamica dell’incidente, ma pare che l’armatore non sia stato il solo a esplodere i razzi dall’imbarcazione.

 

Foto Secolo XIX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

2 commenti

  1. elio vulpis ha detto:

    Nel 1978 un principe di Piemonte e di Napoli (plurindagato negli anni per i più vari reati) ammazzò un povero ragazzo tedesco che dormiva tranquillamente in barca, vantandosi di aver fregato i giudici. Non sappiamo cosa farà e dirà l’americano ma sappiamo con certezza che chi gli stava intorno non ha mosso un dito e non ha evitato che prendesse razzi di segnalazione e li facesse esplodere. Sono certo che qualcuno avrà steso tappeti rossi in precedenza a questo ubriacone squilibrato. Viva la Vela, viva le barche d’epoca con cervelli d’epoca in naftalina.

  2. PAOLO TARONI ha detto:

    In Eventi come questo non basta invitare gli Armatori, equipaggi e imbarcazioni: occorre far firmare al responsabile un regolamento dove si evidenzia cosa NON VA FATTO e cosa si può fare. Va da sé che qualche bicchiere di troppo possa rendere qualche Ospite meno vigile e meno cosciente. Inoltre sarebbe bene avere sempre un’ autobulanza parcheggiata a portata di mano per pronto intervento accompagnata da automedica. Ogni miglior augurio al caro Sergio.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione