Foil revolution: il MOD 70 spicca il volo, pazzesco! VIDEO

Prosegue la febbre da foil nel mondo della vela, ora anche i MOD 70 iniziano a "volare"

31 Luglio 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Salireste su quest’astronave lanciata a 50 nodi di velocità sui foil? Non sembra essere uno dei mezzi più sicuri che possano navigare sul mare, ma indubbiamente segna un altro passo avanti della tecnologia foil che si va sempre più affermando a tutti i livelli nel mondo della vela.

Fa una certa impressione vedere il MOD 70 Edmond de Rothschild al suo primo “volo” sui foil, un “mostro” di 70 piedi che si solleva dall’acqua come una libellula, annullando l’attrito e raggiungendo velocità impensabili per gli assetti classici. A bordo il team francese di Gitana che sta usando il grande trimarano come laboratorio per sperimentare la tecnologia foil. In particolare il MOD 70 montava due tipi diversi di foil: un foil a L e uno a C accoppiati a un timone a T dalla portanza sostenuta.

Ovviamente come in tutte le sperimentazioni ci sono i però. I però riguardano innanzitutto gli stessi MOD 70, che hanno dimostrato in diverse occasioni (vedi Paprec e Spindrift) di scuffiare come volgari derive e l’aumento esponenziale di velocità creato dai foil non li rende certo più sicuri. Altre considerazioni da fare, osservando il video, sono le sollecitazioni strutturali e la rigidità del trimarano. Dal minuto 2 in poi, in alcune fasi in cui il trimarano scende dai foil sbattendo sull’acqua si vede nettamente lo strallo del Code 0 vibrare notevolmente e si ha l’impressione che la traversa anteriore non sia così rigida e accenni alla torsione. Ovviamente non siamo dei tecnici e ci limitiamo a osservare, ma il problema della rigidità strutturale era una questione già molto nota sugli AC72 che parteciparono alla Coppa America di San Francisco. Resta erò il fatto che la tecnologia foil sta aprendo un futuro inaspettato per la vela, un futuro in…..volo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

2 commenti

  1. Andrea ha detto:

    a 50 nodi come pensi che qualcosa non vibri o non torca??
    anche sulle auto di F1 le alette vibrano costantemente, e sarebbe impossibile non farle vibrare…. la domanda è: quanto durano quei materiali alla lunga?
    Per barche così veloci non ha importanza la torsione… anzi, meglio, così scaricano un po’ di potenza che va ad affaticare le strutture.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione