Gaetano Mura: che paura e che botta! Ma Italia è già in rotta

Fortunatamente l'intervento di Gaetano sembra perfettamente riuscito e il bravo velista sardo è già tornato in rotta, con prua verso est. Un incidente come questo poteva avere conseguenze disastrose che potevano mettere a repentaglio la sicurezza della barca

12 Dicembre 2016 | di Redazione Liguria Nautica

Quando si pensa agli Oceani ci immaginiamo una grande distesa d’acqua azzurra, un grande spazio di libertà dove are viaggiare inostri sogni. I mari del globo però sono sempre più pieni della nostra immondizia. Ne anno le spese i pesci e gli altri animali marini, e sempre con maggiore requenza ne anno le spese anche i navigatori che vanno a sbattere contro oggetti vaganti come container o altri materiali artificiali.

E’ stato questo il caso di molti skipper del Vendée Globe e sfortunatamente un incidente simile lo ha subito anche Gaetano Mura impegnato nel suo Round the Globe Record, il giro del mondo senza scalo ed assistenza in Clas 40. Lo skipper sardo nevigava nel tratto iniziale di Oceano Indiano, poco dopo Buona Speranza, quando nella notte ha sentito un forte urto e un rimore sinistro dai timoni. Italia ha subito dei danni, per fortuna non gravi, alle due pale del timone e ai relativi supporti. Mura è stato costretto a strambare, andare verso nord in una zona di vento leggermente inferiore e ha effettuato una riparazione.

Fortunatamente l’intervento di Gaetano sembra perfettamente riuscito e il bravo velista sardo è già tornato in rotta, con prua verso est. Un incidente come questo poteva avere conseguenze disastrose che potevano mettere a repentaglio la sicurezza della barca.

Il racconto di Gaetano Mura

“Ho sistemato tutto e credo di aver fatto un buon lavoro con i mezzi a disposizione. I timoni sembrano saldi e non fanno più i rumori inoltre ho potuto sostituire il carrello randa e il punta stecche ora le strambate comporteranno qualche manovra in più per spostare tutti i paranchi che ho aggiunto, ma questa è la vita del navigatore. Sono già felice di aver risolto. Non ci sono mai stati meno di 25 nodi, ma si sarebbe dovuti salire troppo a nord per avere condizioni più calme.Ho già strambato e sono nuovamente in rotta verso est e sono contento di rientrare in gioco.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione