Il varo volante di “Planet Warrior”, un nuovo Multi 50 Class realizzato da Persico per Fabrice Cahierc

Il nuovo trimarano Planet Warrior, realizzato nello stabilimento Persico di Nembro, è stato trasportato in elicottero dal Bergamasco fino a Marina di Carrara, dove ha toccato l’acqua

10 Agosto 2020 | di Giuseppe Orrù
Planet Warrior in volo, sorretto da un elicottero AS332

Varo volante per “Planet Warrior”, un nuovo Multi 50 Class che ha preso il volo dallo stabilimento Persico di Nembro, in provincia di Bergamo, in direzione di Marina di Carrara dove ha toccato per la prima volta il mare.

Le operazioni di trasferimento hanno richiamato l’attenzione di molti curiosi, con il naso all’insù per ammirare il trimarano costruito secondo le regole della classe Multi 50 per lo skipper francese Fabrice Cahierc. Date le sue dimensioni, 15,24 metri di lunghezza e altrettanti di larghezza massima (50 piedi), Persico ha dovuto optare per il trasporto aereo per la sua ultima imbarcazione costruita.

Le 2 tonnellate e mezzo sono state sollevate da un elicottero AS 332 Super Puma della società elvetica Heliswiss International che ha impiegato circa 3 ore per portare a destinazione il multiscafo. Il volo è stato attentamente pianificato, in particolare per l’esigenza di un rifornimento prima di affrontare il passaggio degli Appennini, non riscontrando alcuna problematica.

Progettato sia nelle linee d’acqua che nelle strutture dal rinomato studio francese VPLP, specializzato in multiscafi sia da regata che da crociera, Planet Warrior va a rinforzare la già solida classe transalpina che vede sempre più skipper oceanici impegnati in regate in solitario o in doppio. Le regole di classe sono studiate in modo da avere un trimarano ad alte prestazioni ma con costi contenuti, grazie alle rigide regole di classe.

Planet Warrior in volo, sorretto da un elicottero AS332

La costruzione è obbligatoriamente in fibra di vetro, mentre il carbonio è riservato alle traverse, albero, timoni e foil. Nonostante queste limitazioni, il Multi 50 è una classe ad altissime prestazioni ideale per regate offshore ad equipaggio ridotto. Per questo progetto tutto francese, lo skipper Fabrice Cahierc e lo studio VPLP si sono affidati all’esperienza dell’italiana Persico, che ha realizzato l’intera costruzione.

Da Marina di Carrara la barca raggiungerà Marsiglia per essere alberata, seguiranno la prima navigazione fino in Bretagna e il successivo trasferimento a Malta, per esordire assieme ad altri Multi 50 in occasione della Rolex Middle Sea Race, la classica dell’altura mediterranea che prevede partenza e arrivo a La Valletta, dopo aver circumnavigato in senso antiorario la Sicilia, Pantelleria e Lampedusa per un totale di 600 miglia.

Planet Warrior porta il nome di una fondazione, voluta dallo stesso Fabrice Cahierc, dedicata alla tutela della Terra. Nei prossimi tre anni raccoglierà fondi per formare ingegneri che lavoreranno senza vincoli commerciali e richiederanno brevetti gratuiti per sviluppare sistemi in grado di catturare e neutralizzare l’eccesso di CO2. Persico era già stata scelta nel 2017 da due mostri sacri della vela francese, come Gitana e Sodebo, per la realizzazione di traverse e foil per i loro maxi trimarani classe Ultim.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione