Kitesurf e precedenze in acqua: vediamoci chiaro sugli incroci pericolosi

L’estate scorsa una collisione avvenuta sul lago di Garda tra un catamarano Nacra e un kiter che ha perso il controllo dell’attrezzatura ha riportato alla ribalta il problema del traffico e della convivenza tra praticanti di sport acquatici diversi. Eppure al di là delle singole ordinanze c’è il buon senso e soprattutto le regole di precedenza che tutti dovrebbero rispettare.

18 Settembre 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Kitesurf e precedenze, un problema ormai molto frequente in tutti qugli spot, come tanti in Italia, dove l’affollamento di appassionati e sportivi rischia di diventare un probelma. La popolarità di alcuni sport acquatici come la vela, il windsurf e il kitesurf è certamente un dato positivo, specie in un Paese come il nostro che sul mare ha fondato la propria storia. Negli ultimi anni tuttavia l’incremento esponenziale di appassionati ha generato alcuni problemi di traffico in acqua e soprattutto di convivenza tra praticanti di discipline diverse. L’ultimo episodio di cronaca che ha messo in risalto il problema è accaduto questa estate, il 25 agosto, nelle acque del lago di Garda. Il velista Battista Gaiotto, socio del Circolo Vela Torbole, stava bordeggiando al timone di un catamarano Nacra nel tratto di lago del confine tra il Trentino, il Veneto e la Lombardia, quando all’improvviso la sua rotta ha incrociato quella di un kiter che durante una manovra ha perso il controllo dell’ala; quest’ultima è caduta oltre la prua del multiscafo ma uno dei cavi in kevlar ancora in tensione ha colpito il timoniere della barca che ha riportato un profondo taglio al collo. E poteva andare anche peggio.

L’incidente ha scatenato naturalmente molte polemiche sulla presenza dei kiter sul lago di Garda, una bacino molto grande ma anche soggetto a un intenso traffico a vela e a motore e probabilmente, come è già stato preannunciato dalle autorità locali, avrà ripercussioni sulla regolamentazione del lago, già peraltro piuttosto restrittiva.

Kitesurf e precedenze: sistemi di sicurezza, questione di attimi

Laghi a parte, il problema di affollamento riguarda anche le coste, in particolare gli spot migliori per condizioni di mare e vento che nelle giornate buone possono essere invasi da decine e decine di rider costretti a navigare a pochi metri di distanza. In quelle condizioni non è facile pensare e agire velocemente in caso qualcosa vada storto e ogni errore si paga caro. Ormai tutti i nuovi kite hanno un sistema di sicurezza a rilascio rapido (quick-release) che permette di annullare la trazione dell’ala in qualunque momento. Il limite di questi sistemi è che devono essere attivati manualmente in situazioni di panico e in poco tempo.

Oltre a ciò non è escluso che la propria attrezzatura esposta a vento, onde e correnti non comporti un pericolo per bagnanti, altri kiter o velisti. Un caso tipico per esempio è che quando cade un kite in acqua le linee dell’ala rimangono a pelo d’acqua e possono finire nelle pinne di altri rider.

 L’etichetta del buon rider

In ogni caso certe situazioni vanno prevenute. Insomma è un problema di kitesurf e precedenze. Prima di tutto ci vuole rispetto per gli altri che sono in acqua, come impone l’etichetta marinaresca che sta lì da molti anni prima che fosse inventato il kitesurf. In caso di dubbio se passare o meno in un certo specchio d’acqua anche solo dare una voce, chiedere il permesso o alzare un pollice per dire ok può evitare pericoli o discussioni inutili.

Ci sono poi delle accortezze che ogni buon rider dovrebbe mettere in pratica ad ogni uscita in spot affollati:

  • Evitare di navigare troppo vicini agli altri rider per evitare che le linee si aggroviglino.
  • Se si è ancora principianti, navigare in aree separate dalla kite zone principale.
  • Guardarsi sempre intorno durante la navigazione e misurare la distanza dagli altri rider.
  • Navigare e manovrare in modo prevedibile da chi ci è attorno.
  • Posizionare l’ala in modo più verticale possibile per ridurre l’area di conflitto con altri rider.
  • Non saltare in prossimità di altri rider.

Norme internazionali sulle precedenze

In realtà al di là di queste accortezze e del buon senso che dovrebbe appartenere a chiunque entra in acqua esistono delle regole da rispettare per prevenire le collisioni in mare. Si tratta di norme emanate nel 1972 a livello internazionale e che ciascun praticante di kitesurf e in generale qualsiasi velista dovrebbe conoscere e rispettare.

La prima regola fondamentale è che il rider che naviga mure a dritta, quindi con il kite nella parte destra della finestra del vento (e la gamba destra in posizione anteriore sulla tavola) ha la precedenza sul rider che sta incrociando e dovrebbe mantenere la sua andatura passando sopravento col il kite più alto. Al contrario chi naviga mure a sinistra (il kite si trova a sinistra) deve dare la precedenza al rider che sta incrociando, modificando la sua andatura e velocità e passando sottovento col kite basso per evitare collisioni.

Quando due rider stanno navigando nella stessa direzione, il rider più veloce che arriva da dietro deve dare la precedenza al rider più lento davanti a lui. Venendo da dietro, il rider più veloce ha infatti una visione migliore della situazione, quindi deve allontanarsi dall’altro rider e cambiare direzione. Queste due regole sono antiche quanto la marineria e non si applicano solo a kiter ma a qualunque natante o mezzo a vela.

Kitesurf e precedenze: bagnanti, onde, salti e ingresso in acqua

Ci sono poi delle norme specifiche per chi pratica il kitesurf e non meno importanti:

  • I bagnanti in acqua hanno sempre la precedenza e i kiters devono navigare sottovento a questi. In questo modo si possono prevenire eventuali danni alle persone, nel caso si perda il controllo del kite.
  • Il rider che sta entrando in acqua dalla spiaggia ha la precedenza sul rider che sta uscendo. Il motivo di questa regola è che il vento è turbolento a riva, quindi il rider fuori dell’acqua è più a rischio.
  • Il rider che surfa un’onda ha la precedenza su chi sta saltando o su chi sta arrivando dalla direzione opposta. Quando si naviga sulle onde infatti il kite è più difficile da controllare, quindi ha meno spazio di manovra. Tuttavia, la regola numero 1 è applicabile quando le onde sono vicine alla costa (shore break). In questo caso, il rider che sta surfando deve dare la precedenza al kiter che sta entrando in acqua (o che è appena entrato in acqua).
  • Per poter saltare un rider deve avere una zona libera e sicura di 50 metri sottovento e 30 metri sopravento. È importante avere una zona sicura sottovento in quanto il rider si muove sottovento quando salta mentre lo spazio libero sopravento è utile perché le line del rider che manovra potrebbero toccare il kite oppure intrecciarsi con quelle di altri kiter nelle vicinanze.
  • Infine c’è la regola delle regole che va rispettata durante ogni incrocio: se si naviga sopravento, bisogna tenere il kite alto, quando invece si naviga sottovento, si posiziona il kitebasso.

La conoscenza e il rispetto di queste norme fa la differenza tra kiter esperti e quelli irresponsabili che causano danni a sé a gli altri e alla pacifica convivenza tra gli amanti del mare e degli sport acquatici. Basta vedere la filosofia dei waterman hawaiiani che escono in oceano con qualunque mezzo surf, windsurf, kitesurf, sup nel pieno rispetto delle regole e del vivere civile. L’importante è stare in acqua e divertirsi. Le tensioni, i conflitti, le beghe per favore lasciamoli in spiaggia, anzi sotterriamoli proprio.

David Ingiosi

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. gigi ha detto:

    Chi esce per saltare ha sempre precedenza su chi è sull’onda !!!! Sempre sia mure a dx che a sx

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

La FederVela francese dice SI al kitesurf: parla il Presidente dell’Associazione Internazionale Kiteboarding

  • 12 Gennaio 2017

Il Ministero dello Sport francese ha assegnato la delegazione per il kiteboard alla Federazione Nazionale di Vela. Un cambio di direzione epocale nel Paese che al kitesurf ha dato i natali ma che per 18 anni ne aveva affidato la gestione alla Federazione Volo Libero e non era riconosciuto come disciplina velica. Il commento di Mirco Babini, Presidente dell'Associazione Internazionale Kiteboarding.

Surf, Kite e Windsurf

NeilPryde annuncia il primo kite one design da regata

Il famoso brand statunitense ha lanciato il Convertible Kite Racing (CR:X), primo modello al mondo di attrezzatura da kite one design dedicata agli appassionati della disciplina Race e in lizza per le future Olimpiadi.

Surf, Kite e Windsurf

Itinerari kitesurf: Cumbuco e le lagune brasiliane

  • Foto
  • 19 Dicembre 2016

Gli Alisei costanti che soffiano tra i 18 e 25 nodi per 10 mesi l'anno rendono questo villaggio di pescatori situato lungo la costa nord-orientale del Brasile un vero paradiso per gli appassionati di kitesurf.

Vela

Lewis Crathern: dal coma al salto record

  • Foto
  • 12 Dicembre 2016

Lo scorso 22 novembre il kiteboarder britannico ha segnato il nuovo record inglese di salto raggiungendo un’altezza di 22,30 metri. Un exploit formidabile per questo ragazzo di 31 anni che nove mesi ha rischiato di morire durante il Red Bull King of the Air, in Sud Africa.

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione