Lewis Crathern: dal coma al salto record

Lo scorso 22 novembre il kiteboarder britannico ha segnato il nuovo record inglese di salto raggiungendo un’altezza di 22,30 metri. Un exploit formidabile per questo ragazzo di 31 anni che nove mesi ha rischiato di morire durante il Red Bull King of the Air, in Sud Africa.

12 Dicembre 2016 | di Redazione Liguria Nautica

Nove mesi dopo il terribile wipe out in cui ha rischiato seriamente la vita durante il Red Bull King of the Air 2016, il kiter britannico Lewis Crathern è tornato alla grande sulla ribalta internazionale con un nuovo ed energico exploit. Il 22 novembre scorso l’atleta originario di Worthing, nel West Sussex, si è svegliato all’alba, ha guidato per 250 chilometri fino alla spiaggia di Ramsgate, poi è entrato in acqua e ha stabilito il nuovo record inglese di salto con il kite: 22,30 metri di altezza. Un primato nazionale che si aggiunge al secondo miglior salto nella graduatoria Woo Europa e al sesto salto nel ranking mondiale.

“Adoro quando ci sono 40 nodi e anzi vorrei che ce ne fossero di più per saltare ancora più in alto”, ha dichiarato il campione inglese che certamente continuerà nel futuro a cercare di migliorare il record. In realtà i 22,30 metri raggiunti da Lewis Crathern sono molto lontani dai 26,70 conquistati dal danese Nick Jacobsen che attualmente guida la classifica mondiale di salto. Ma sono un traguardo meraviglioso per un ragazzo di 31 anni che è stato quasi una settimana in coma e che ha rischiato di non svegliarsi più.

Lo schianto, la paura e il coma artificiale

L’incidente è avvenuto sulla spiaggia di Big Bay a Cape Town, in Sud Africa, mentre Crathern lottava nella semifinale: durante un megaloop ha perso il controllo del proprio kite e si è schiantato in acqua da un’altezza di circa 20 metri. Le immagini di quella caduta hanno fatto subito il giro del mondo lasciando sgomenta la comunità internazionale e il pubblico di appassionati.

Immediatamente soccorso, il kiter britannico in un primo momento sembrava non aver subito nessun trauma celebrale, né tantomeno fratture o danni interni. Nell’impatto aveva perso conoscenza e il problema vero è che non riusciva a respirare. Era in ipossia e aveva acqua di mare nei polmoni. Così trasportato d’urgenza al Netcare Blaauwberg Hospital, i medici lo hanno sedato fino a indurlo a un coma controllato per gestire la respirazione in modo artificiale.

Colpa mia, ma ringrazio chi mi ha salvato

“L’incidente è stato frutto in parte di semplice sfortuna – rievoca Lewis – in parte a un mio errore. Ho provato un megaloop ma ho perso il controllo dell’ala che è andata in stallo e nell’impatto con l’acqua ho battuto violentemente la testa. Da quel momento ho avuto un black out e non ricordo più nulla. Devo la vita ai due kiter che mi hanno soccorso, Reno Romeu e Andries Fourie (i suoi avversari in gara, nda) ai medici che mi hanno raggiunto in spiaggia e al personale dell’ospedale. Gli sono estremamente grato”.

Il re del Big Air torna a volare

Dopo il coma e la riabilitazione, il kiteboarder inglese ha avuto uno stop forzato di due mesi in cui è stato in assoluto riposo. Poi ha ricominciato piano piano a tornare in forma e ad allenarsi, fino a quel salto con cui il 22 novembre scorso si è arrampicato fino in cielo. Una prova di carattere formidabile che la dice lunga sullo spirito di questo atleta che oltre a essere da diversi anni uno dei migliori protagonisti dei più importanti eventi di Freestyle e Big Air, nel 2012 ha vinto il Len10 Megaloop Challenge e qualche anno prima aveva sorpreso il mondo intero con i salti dei pontili di Worthing (2009) e di Brighton (2010). Insomma uno che a volare proprio non ci rinuncia.

David Ingiosi

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

La FederVela francese dice SI al kitesurf: parla il Presidente dell’Associazione Internazionale Kiteboarding

  • 12 Gennaio 2017

Il Ministero dello Sport francese ha assegnato la delegazione per il kiteboard alla Federazione Nazionale di Vela. Un cambio di direzione epocale nel Paese che al kitesurf ha dato i natali ma che per 18 anni ne aveva affidato la gestione alla Federazione Volo Libero e non era riconosciuto come disciplina velica. Il commento di Mirco Babini, Presidente dell'Associazione Internazionale Kiteboarding.

Surf, Kite e Windsurf

NeilPryde annuncia il primo kite one design da regata

Il famoso brand statunitense ha lanciato il Convertible Kite Racing (CR:X), primo modello al mondo di attrezzatura da kite one design dedicata agli appassionati della disciplina Race e in lizza per le future Olimpiadi.

Surf, Kite e Windsurf

Itinerari kitesurf: Cumbuco e le lagune brasiliane

  • Foto
  • 19 Dicembre 2016

Gli Alisei costanti che soffiano tra i 18 e 25 nodi per 10 mesi l'anno rendono questo villaggio di pescatori situato lungo la costa nord-orientale del Brasile un vero paradiso per gli appassionati di kitesurf.

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione