Partita la leggendaria Vendée Globe: 45 mila chilometri di pura avventura. In gara anche un italiano

Vendée Globe: Sono 33 gli skipper che si affrontano per conquistare la regata in solitaria senza assistenza più famosa del mondo, considerata l'Everest dei mari.

9 Novembre 2020 | di Nicolò Scovazzi

È cominciata domenica 8 novembre la Vendée Globe, la celebre regata in solitaria, senza assistenza, intorno al mondo: 3 oceani (Atlantico, Indiano, Pacifico) e 3 capi (Buona Speranza, Leeuwin, Horn) per trionfare nell’Everest dei mari.

Sebbene con qualche ora di ritardo dovuta ad una leggera foschia, i 33 skipper presenti sulla linea di partenza hanno lasciato il porto di Les Sables D’Olonne sulla costa atlantica francese in perfette condizioni meteo. Il mare piatto, il vento costante sui 12-15 nodi da nord e qualche raggio di sole hanno accompagnato i velisti lontano dalla terra ferma.

La direzione? Sud, alla volta del Sudafrica. I 27 uomini e le 6 donne gareggiano a bordo di IMOCA lunghi 18,28 metri per 4,5 metri di pescaggio. Con una superificie velica molto ampia, sono i monoscafi più prestanti in assoluto guidati da uno skipper in solitaria. In andatura di poppa raggiungono i 30 nodi e i nuovi foil, montati per permettere alla barca di sollevarsi in bolina, promettono velocità mai viste. I partecipanti dovranno affrontare, prima di tutto, una sfida climatica. Perturbazioni, cicloni, anticicloni, zone di alta e bassa pressione, temperature estreme sono tutti fattori da calcolare e da sfruttare.

Rotta Vendee Globe

Rotta Vendée Globe

Durante la prima fase tra Les Sables d’Olonne e il Capo di Buona Speranza, sulla punta del Sudafrica, i 33 skipper navigheranno lungo l’anticiclone delle Azzorre nel Nord Atlantico, seguito dall’equivalente di Sant’Elena nella parte australe. Il gioco consiste nel trovare il giusto equilibrio: abbastanza lontano dai centri di bassa pressione per evitare i venti più forti ma senza rimanere bloccati nelle alte pressioni.

Una volta nell’Oceano Indiano dovranno gestire al meglio i venti da Ovest per essere spinti dal capo di Buona Speranza fino a capo Horn.
Da lì risalire l’Atlantico cercando, come all’andata, di prestare attenzione al passaggio nella zona intertropicale. Qui, masse d’aria calda e umida si incontrano e rendono particolarmente instabile il meteo.

Il concetto della Vendée Globe è chiaro: riuscire a circumnavigare il globo soli e senza assistenza. Nessuno, eccetto lo skipper, è il benvenuto a bordo. Dovranno portare con sè tutto quello di cui potranno aver bisogno. Medicinali, parti di ricambio (si ce ne sarà un gran bisogno), cibo e tutta l’attrezzatura.
I velisti possono consultare i progettisti su come effettuare una riparazione, ma spetta a loro, con gli strumenti che hanno a bordo, portarla a termine.

La Vendée Globe è una gara estrema. Tra coloro i quali cercheranno di strappare il record di 74 giorni, 3 ore, 35 minuti e 46 secondi dalle mani di Armel Le Cléac’h ci sarà anche un italiano, Giancarlo Pedote, fiorentino di 44 anni, al timone di Prysmian Group. Giancarlo è solamente il quinto skipper italiano ad aver preso parte alla Vendée Globe dall’inizio della competizione nel 1989.

 

 

Argomenti: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione