Planare in Kitesurf: questione di assetto

Navigare in maniera efficiente e confortevole in tutte le andature richiede un assetto corretto che coinvolge testa, spalle, torso, braccia, mani, bacino e gambe. Chi cura questo aspetto non solo abbandona per sempre il livello principiante, ma si stanca meno, migliora la planata ed è pronto per raggiungere un traguardo importante: la bolina.

5 Ottobre 2015 | di Redazione Liguria Nautica

I primi momenti nella vita di un kiter, quella sensazione magica di ritrovarsi in piedi sulla tavola e cominciare a planare è un’esperienza unica che lascia un’euforia che è impossibile dimenticare, anzi che può quasi immediatamente dare una certa dipendenza. L’apprendimento di questa disciplina acquatica ormai così popolare e apprezzata nel mondo non è tuttavia immune da alcuni momenti di frustrazione, anche quando quello step fondamentale, ossia la partenza dall’acqua (waterstart), sorta di biglietto d’ingresso nella tribù dei kiter, è stato superato. Navigare in maniera efficiente, confortevole e in ogni condizione meteomarina richiede infatti una certa pratica e soprattutto un’attenta cura dell’assetto da parte del rider. Chi si concentra e migliora questo aspetto può essere certo di migliorare le proprie planate e soprattutto raggiungere in fretta un altro traguardo importante che distingue un principiante da un rider esperto: navigare di bolina.

Lo scarroccio, incubo del principiante

Naturalmente un bel vento sostenuto, diciamo dai 18 ai 22 nodi, aiuta molto ed è un fattore decisivo per progredire, ma a prescindere da questo un buon assetto del corpo può fare molta differenza ed evitare la cosiddetta “camminata della vergogna”, ossia il ritornare al punto di partenza a piedi lungo la spiaggia dopo che durante la navigazione non si è riusciti a limitare lo scarroccio e quindi si è persa parecchia acqua sottovento. Chi sa andare bene in kite non ha questo problema e in ogni condizione è in grado di risalire il vento, così da rientrare in spiaggia sempre dal punto in cui si è usciti.

Imperativo: guarda dove vai!

Vediamo allora come deve essere questa posizione corretta del corpo in andatura. Partiamo dalla testa. Questa dovrebbe essere rivolta nella direzione esatta in cui vuole dirigersi il kiter, il che comporta che tutto il corpo ruoti a sua volta e si allinei in maniera naturale in quella direzione. Un concetto fondamentale, tipico di tutti gli sport da tavola, dal surf allo skateboard: il corpo segue la testa, anzi lo sguardo. Vuoi girare a destra? Gira la testa e guarda in quella precisa direzione e prima le spalle, quindi il torso ruoteranno a loro volta nella stessa direzione permettendoti di curvare.

Mani vicine, bacino in fuori e schiena all’indietro

Passiamo alle spalle. Abbiamo detto che si allineano naturalmente con la testa. Oltre a questo cerchiamo di aprirle ruotandole leggermente in modo che il petto sia rivolto quasi sopravento. Fondamentale in questo caso tenere le mani sulla barra in posizione più accentrata possibile. Se viceversa le mani rimangono larghe ruotare le spalle sarà praticamente impossibile. Provare per credere. Le braccia poi dovrebbero essere lasciate un po’ distese. Importante è anche che la schiena rimanga dritta e che il peso sia ben scaricato da questa sul trapezio con una posizione del bacino che spinge all’infuori. Due sono gli elementi che contraddistinguono un principiante in navigazione: le mani larghe sulla barra e la schiena a “gancio” ossia incurvata in avanti e con il bacino che rimane all’indietro; in questo modo il corpo non scarica a sufficienza la trazione dell’ala sul trapezio, anzi fa lavorare dannosamente i muscoli lombari con il rischio di dolori e contratture in questa zona e soprattutto rimane rivolto verso il kite proiettandosi in avanti ogni volta che l’ala in movimento tira di più.

Peso centrato: la tavola non è un motoscafo

Veniamo alla distribuzione del peso sulla tavola. Uno degli errori più comuni quando si inizia a navigare è quello di caricare troppo la gamba posteriore. Questa concentrazione del peso sulla poppa è assolutamente corretta durante la waterstart perché la tavola con il peso arretrato e la prua scarica si comporta come un motoscafo entrando immediatamente in planata. Ma in andatura il peso deve essere ridistribuito in maniera più centrale. In genere il principiante crede erroneamente che mantenere la maggior parte del peso sulla gamba posteriore prevenga il rischio di catapulta in avanti. In realtà a prevenire la catapulta non è il peso ma il fatto che la gamba anteriore rimanga ben distesa (esattamente come accade nel windsurf). Un’altra conseguenza disastrosa del caricare troppo la poppa è che la parte anteriore del rail rimane troppo sollevata invece di essere ben piantata in acqua, contrastare lo scarroccio e dare direzione alla tavola, con il risultato che se si prova a bolinare è molto più difficile tenere la tavola in quella direzione perché è come se la prua non avesse grip sull’acqua.

Insomma sono pochi ma fondamentali dettagli quelli che determinano un assetto corretto del rider: testa girata nella direzione voluta, spalle aperte, petto ruotato leggermente sopravento, braccia distese, mani centrali sulla barra, schiena dritta e bacino all’infuori, peso equamente distribuito tra poppa e prua della tavola, gamba anteriore ben distesa. All’inizio concentratevi su ognuno di questi elementi, poi man mano vedrete che i muscoli e il cervello li memorizzeranno e diventeranno la vostra posizione automatica: bella, stilosa e pronta a manovre mozzafiato.

David Ingiosi

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

5 commenti

  1. Francesco ha detto:

    le dimensioni della tavola influiscono l’andatura e la bolina? sono alto 1,85 m e peso 90 kg…la mia tavola è 141 x 40…. parecchie persone mi dicono che è “grossa”, ma questo non sarebbe meglio per avere piu stabilità? o per bolinare meglio conviene prendere una tavola piu corta e meno larga?
    Grazie per i tuoi consigli…sono in fase di marcato impegno per migliorare!!!

  2. salvo ha detto:

    Molto istruttivo pet me che sto iniziando adesso

  3. marco ha detto:

    Hai perfettamente ragione purtroppo continuo a caricare troppo la gamba posteriore e di conseguenza ho la schiena in curata. .
    se hai altre dritte o tutorial manda pure su mia mail
    grz

Potrebbe interessarti anche

Surf, Kite e Windsurf

Markus Pfsterer, dalla sedia a rotelle al kitesurf

La storia di Markus Pfsterer, un appassionato di skydiving che dopo un grave incidente ha perso l'uso delle gambe e ha voluto imparare il kitesurf. Volato ai Caraibi, questa estate ha preso lezioni dall'ex atleta e istruttore Iko Jeremy Tronet che gli ha addirittura insegnato a saltare. In un video bellissimo le emozioni di questo incontro.

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione