Sapore dolce-amaro da Clearwater: Bissaro-Sicouri bronzo mondiale, Conti-Clapcich solo quinte

Bronzo per l'equipaggio italiano dei Nacra 17, medal race da dimenticare per Giulia Conti e Francesca Clapcich

15 Febbraio 2016 | di Redazione Liguria Nautica

Una giornata dolce-amara quella conclusiva da Clearwater, dove si sono disputati i Mondiali Nacra 17, 49er e 49er FX. Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri tornano dall Florida con il bronzo al collo, mentre Giulia Conti e Francesca Clapcich non sono riuscite a difendere il titolo e finiscono quinte la loro rassegna iridata.

Clearwater, nella giornata conclusiva del programma mondiale, esordisce con un’insolita aria leggera dopo una settimana di vento forte. Condizioni instabili e salti di vento rendono il campo molto difficile, proprio nella giornata in cui si assegnano le medaglie.

Giulia Conti e Fracesca Clapcich sui 49er FX, prima di andare in medal race, devono finire il programma di regate: tre prove, poi la medal, tutto di un fiato. C&C chiudono le tre regate di giornata con un 4-1-18, quest’ultima scartata, ed entrano in medal da seconde a dodici punti dalle regolarissime spagnole Echegoyen-Betanzos.

Aggressiva la timoniera italiana nel pre-partenza della medal, va a cercare l’avversaria diretta, la attacca da sottovento, ma le spagnole sono brave a mantenere una buona distanza laterale e riescono a partire nonostante la pressione delle azzurre che restano vicine sottovento. La Echegoyen vira per scappare a destra, nonostante il vento tenda a ruotare a sinistra, Giulia Conti vira in marcatura ma qui si inceppa la regata delle azzurre: costrette mure a sinistra a cedere il passo in un paio di incroci mentre le spagnole scappano in aria pulita. Il distacco diventa subito importante, C&C chiudono ultime una medal race da dimenticare in fretta, finiscono fuori dal podio ma hanno provato ad attaccare. Giusto così al mondiale, tra alcuni mesi a Rio sarà un’altra storia.

Grande medal race per Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri nei Nacra 17: entrano nella regata finale da quarti, partenza brillante e regata col gruppo di testa. Sulla linea d’ arrivo sono terzi, la medaglia di bronzo è al loro collo: la rivincita del Mondiale 2014 di Santander è servita, la strada verso Rio 2016 sembra essere quella giusta.

I titoli mondiali vanno ai francesi Besson-Riou nella classe Nacra 17, alle spagnole Echegoyen-Betanzos quello 49er FX, ai neozelandesi Buriling-Tuke quello 49er.

Vittorio Bissaro (timoniere)

Questa medaglia di bronzo è un risultato che ha dato sia a Silvia che a me, oltre che al Tecnico Gabriele Bruni e al nostro DT Michele Marchesini, una carica incredibile. Raramente, anzi, mai nella mia vita ho provato tanta emozione e ho sentito tanta adrenalina nel mio corpo per un successo personale. La cosa che mi sta piacendo di più è condividere questo risultato, perché sento che è un successo di tanti e ancora di più sento che qui, a Clearwater, con Silvia potevamo contare sul miglior staff possibile. Abbiamo il miglior allenatore cui poter ambire, la miglior direzione tecnica, siamo seguiti in tutto e per tutto, anche nella logistica ora che è arrivato il team manager Guglielmo Vatteroni con cui stiamo gestendo la spedizione del materiale per Rio. Insomma, va tutto bene e quindi vorrei che questo risultato lo sentissero tanto, come lo stiamo vivendo noi, anche tutte le persone che in Federazione hanno contribuito al nostro percorso.

Silvia Sicouri (prodiere)

È stata una settimana tecnicamente difficile, in cui abbiamo trovato condizioni molto diverse, sia di vento che di onda, con giorni di mare grosso e vento forte, e con la costante del freddo, una temperatura davvero difficile da sopportare, che poi è stata la vera difficoltà del campionato. Partivamo senza riuscire a scaldare il corpo, avevo le mani congelate, quando eravamo prossimi alla prima boa di bolina, guardavo la drizza e mi chiedevo come avrei fatto a tirare su lo spi più rapidamente dei nostri avversarti… Abbiamo tenuto duro, tirando fuori la grinta che avevamo in corpo, e siamo molto contenti del risultato, perché nonostante tante piccole difficoltà che abbiamo affrontato durante il campionato – alcune dipendenti da noi, tipo la squalifica, altre no, vedi la tartaruga che aveva deciso di mettersi sul nostro cammino danneggiandoci uno scafo – ecco, nonostante tutto siamo riusciti ad essere costanti e il risultato è arrivato.

 

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Surf, Kite e Windsurf

Kitesurf alle Olimpiadi? Prima praticare, poi parlare

  • 2 Novembre 2016

In molti ne parlano, ma pochi, a parte chi lo pratica sul serio, conoscono realmente il fenomeno. Il kitesurf sembra di nuovo in lizza per diventare disciplina olimpica ai Giochi di Tokyo 2020. Una campagna che passa attraverso dibattiti e aspre polemiche, detrattori e sostenitori all'interno della comunità velica. Vediamo i punti critici della vicenda e facciamoci qualche domanda

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione