Aree Marine Protette: tassazione folle in Corsica

La comunità nautica francese teme che il provvedimento possa finire per interessare tutte le zone marittime della Francia

12 Marzo 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Corsica aree marine protette

Il Parlamento francese ha approvato, con 43 voti favorevoli, una proposta di legge su un’imposta di ormeggio nelle aree marine protette francesi. L’emendamento prevede una tassazione sulle barche da diporto in Corsica, nella zona delle Bocche di Bonifacio e nella riserva di Scandola. Riguardo alle cifre si è parlato di 20 euro a metro di scafo, quindi, se tutto verrà confermato, con una barca di dieci metri si andrà a spendere un importo folle: 200 euro a notte!

 

La comunità nautica francese teme che il provvedimento possa finire per interessare tutte le zone marittime della Francia.

 

L’obiettivo sarebbe la difesa delle Aree Marine Protette dall’impatto ambientale causato dall’ormeggio delle imbarcazioni da diporto, ma sembra essere più una scusa per far cassa: la motivazione ambientale non regge, infatti basterebbe predisporre delle boe per l’ormeggio nelle Aree Protette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

4 commenti

  1. guiscardo ha detto:

    ciao a tutti,
    mi suona strano che i Francesi,velisti di tradizione antica,almeno per il diporto,creino una condizione simile.
    Bisognerebbe leggere bene la legge ,certo che se così fosse non ho parole…

  2. gaetano ha detto:

    Sono d’accordo è un provvedimento per fare cassa e non tutela l’ambiente, infatti chi puo’ permettersi di pagare potra continuare ad ormeggiare ed eventualmente inquinare oltre che a godere delle bellezze senza essere disturbato da velisti squattrinati. Libertè – Egalitè – Fraternitè dove sono finite? I mali Italiani sono contagiosi per davvero.

  3. Paolo ha detto:

    Si parla di tassa per ormeggio o per stazionamento in rada all ancora ?
    Comunque sia ringrazio il cielo di aver navigato in Corsica per 35 anni e di averla già potuta apprezzare. Peccato , vorrà dire che quest anno si cambierà metà ! L’ignoranza e l’incompetenza di chi governa non ha limiti ! Evidentemente la vicinanza con l’Italia li ha contagiati.
    Se volevano tutelare l,ambiente ci riusciranno senz’altro. Ci sarà il vuoto cosmico !
    Poveri corsi.

  4. antonio ha detto:

    credo che l’ottusità non abbia confini. Se come penso la comunità dei naviganti (peraltro limitata e negli ultimi anni ridotta al lumicino come tutto il comparto nautico in crisi) che ama trascorrere la notte alla fonda nelle aree protette. si rifiuterà di fermarsi perderà quel poco di piacevole che ancora rimane dell’andar per mare tra gabelli , tasse, imposte varie (vedi flop legge Monti) ormeggi da cravattari . I corsi che faranno? riprenderanno a far esplodere dopo che probabilmente quei pochi che se ne sono andati in Corsica per non pagare l’arcipelago della Maddalena , ora se ne andranno da un’altra parte. I politici dovrebbero capire che salvaguardare o tutelare non significa mettere balzelli ma educare al rispetto dell’ambiente.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione