Attacco Squalo: nuova tragedia a La Réunion. Cosa fare adesso?

Muore un ragazzo di ventisei anni: Kelly Slater invoca l'"abbattimento di massa", gli ambientalisti insorgono e il fotografo Recchi dice che la colpa è sola nostra

28 Febbraio 2017 | di Redazione Liguria Nautica
Attacco Squalo
Attacco Squalo, nuova tragedia: muore un ragazzo di ventisei anni

Nuovo attacco mortale di uno squalo sulle coste orientali dell’Oceano Indiano. Il fatto è avvenuto a La Réunion, un vero e proprio paradiso terrestre, come è possibile vedere dal video e adesso sulla piccola isola dell’arcipelago delle Mascarene è scattata la fobia. La vittima è un ragazzo di ventisei anni che al momento della tragedia stava praticando il bodyboard, disciplina simile al surf.

Secondo quanto riportato da corriere.it e tgcom24.mediaset.it, il giovane si trovava al largo in una zona ad alto rischio, quando è stato improvvisamente morso dallo squalo che gli ha tranciato l’arteria femorale. Sul posto sono subito intervenuti i soccorritori ma il 26enne è morto pochi minuti dopo a causa del rapido dissanguamento.

Dal 2011 ad oggi a La Réunion si sono verificati venti casi di attacchi di squali, otto dei quali hanno portato alla morte delle vittime.

Quando la prossima tragedia? L’appello di Kelly Slater: “Serve un abbattimento di massa”.

Alcuni, come lo sfortunato 26enne, hanno messo a rischio la propria vita scegliendo di surfare in acque pericolose ma episodi simili si sono verificati anche in zone relativamente tranquille. Un esempio? Tre anni fa è morta una quindicenne che stava nuotando vicino alla riva: un fatto analogo non accadeva da oltre trent’anni.

Cosa fare dunque per evitare il ripetersi di casi simili? Per Kelly Slater, campione del mondo di surf, è necessario un abbattimento di massa ma non tutti sono d’accordo su questa soluzione. Secondo il fotografo italiano Alberto Luca Recchi, la colpa sarebbe nostra. Lo squalo infatti azzannerebbe l’uomo solo per errore, scambiandolo per una tartaruga o per una foca.

Anche gli ambientalisti hanno criticato immediatamente le dichiarazioni di Slater ed effettivamente la sua proposta non convince. Quel che è certo è che bisogna trovare una soluzione perché a La Réunion è ormai scattata una vera e propria psicosi da attacco squalo.

Fonti notizia:

http://www.corriere.it

http://www.tgcom24.mediaset.it/

Foto:

http://ilpost.it

Paolo Bellosta

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

2 commenti

  1. Chrisam Sebastiano ha detto:

    Sulle spiagge è di molto superiore il numero di dicessi per la caduta di noci di cocco, ma a nessuno viene in mente di tagliare ogni albero, ci si limita a mettere un cartello con scritto “non passare sotto agli alberi”.
    Se dovessimo eliminare le principali cause di morte…. Probabilmente resterebbero vivi solo gli squali.

  2. Paolo ha detto:

    Se la zona è ad alto rischio, non bisogna andarci. Punto. Qualcuno si sorprenderebbe se un leone aggredisse un turista avvicinatosi, in un parco africano? Proporrebbe l’abbattimento di massa dei leoni?

Potrebbe interessarti anche

Eventi e fiere

A Diano Marina al via il WindFestival 2019

  • Foto
  • 29 Settembre 2019

Il più grande Expo d'Italia dedicato agli action sport di mare e di vento si svolgerà come sempre sulla spiaggia, estendendosi però anche al centro cittadino per offrire al pubblico nuove adrenaliniche esperienze di sport urbani

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione