Sfruttare l’energia dalle onde del mare, una risorsa da scoprire

Il dispositivo Iswec produce energia dalle onde del mare sfruttando le oscillazioni che il dispositivo subisce quando galleggia in acqua.

7 Agosto 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Esiste una forza che, almeno in Italia, ancora non è stata sfruttata a pieno: l’energia dalle onde del mare. Il Politecnico di Torino, assieme a Wave of energy, ha creato un dispositivo chiamato Iswec, che è appunto in grado di creare corrente elettrica sfruttando le oscillazioni che subisce quando galleggia in acqua. Verrà messo per la prima volta in mare al largo di Pantelleria e in autuno verrà collegato alla rete elettrica dell’isola.

“E’ il primo dispositivo italiano in scala uno a uno per la produzione di energia dalle onde del mare”, spiegano dall’ateneo torinese. Lo ha messo a punto un team di docenti e ricercatori coordinato da Giuliana Mattiazzo ed Ermanno Giorcelli del dipartimento di Ingegneria meccanica e aerospaziale del Politecnico di Torino, di cui fa parte anche personale dell’Enea e dell’Iamc-Cnr. Il progetto, finanziato dalle Regioni Piemonte e Sicilia, “nasce dalla consapevolezza dell’enorme potenziale energetico del moto ondoso come fonte di energia rinnovabile, grazie alla continuità e alla distribuzione del mare sul globo”, come spiegano gli ideatori di Iswec.

Il Mediterraneo non è particolarmente mosso, eppure ha comunque un grande potenziale. Nelle isole Canarie si possono generare 25 chilowatt per ogni metro di lunghezza del fronte d’onda, sulle coste irlandesi e scozzesi il dato sale a 75 chilowatt, mentre il mare tra il Vecchio Continente e l’Africa può fornire tra i 4 e gli 11 chilowatt. Eppure, sostengono i ricercatori del Politecnico, “estraendo soltanto il 5% del potenziale tecnico di risorsa disponibile per l’Europa, pari a 320 gigawatt, l’energia del moto ondoso potrebbe fornire elettricità a 12 milioni di case”.

Foto: www.fotovoltaicosulweb.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione