In Nuova Zelanda il faro che illumina l’unione dei due oceani

Il faro di Cape Reinga in Nuova Zelanda si trova nel punto in cui l'Oceano Pacifico e il mare di Tasmania si incontrano

12 dicembre 2017 | di Ilaria Ugolini
Il faro di Cape Reinga ed i due oceani
Il faro di Cape Reinga ed i due oceani

C’è un luogo nella punta nord-occidentale della Nuova Zelanda in cui l’Oceano Pacifico incontra il mare di Tasmania: si chiama Cape Reinga (Te Rerenga Wairua in lingua maori) ed è noto soprattutto per il suo fotogenico faro.

Cape Reinga e la leggenda maori

Secondo una leggenda maori queste acque turbolenti sono il punto in cui il “mare maschio” (dal nome maori tutt’altro che sintetico “te moana tapokopoko a tawhaki”) incontra il “mare femmina” (molto più essenziale “Te Ta”) generando vortici che rappresentano la loro unione e la creazione della vita. Le onde dei due mari si infrangono le une contro le altre arrivando a produrre cavalloni che, in caso di tempesta, raggiungono anche i 10 metri di altezza. Un posto da fine del mondo, insomma ma decisamente romantico.

Sempre secondo la mitologia maori, gli spiriti dei morti si recano a Cape Reinga nel loro viaggio verso l’aldilà per saltare il promontorio, scendere negli inferi e tornare così alla loro patria natia di Hawaiki, attraverso il Te Ara Wairua, il “sentiero degli spiriti”.

Il faro di Cape Reinga: una luce tra il mare di Tasmania e l’Oceano Pacifico

Il faro di Cape Reinga (latitudine  34° 25,7′ sud e longitudine 172°40.6’ est) è alto 10 metri e si trova a 165 metri dal livello del mare. La sua luce è una delle prime ad essere viste dalle navi che arrivano dal mare di Tasmania e dall’Oceano Pacifico del nord: il fascio luminoso compare ogni 12 secondi e può essere visto da una distanza di 35 chilometri.

La lampada da 50 watt funziona grazie ad una batteria ricaricata da pannelli solari. Il custode del faro poté ritirarsi nel 1987, quando quest’ultimo venne completamente automatizzato: oggi la sua operatività è gestita da un computer della marina neozelandese a Wellington. Il faro, costruito nel 1941, sostituì il precedente in funzione dal 1879 e situato sulla vicina isola di Motuopao, a sud ovest di Cape Reinga.

Cape Reinga è attualmente in lista d’attesa per ricevere lo status di sito Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Viaggi

Vacanze al faro: una rotta originale da seguire

  • Foto
  • 26 dicembre 2017

Per molti andare in vacanza è sinonimo di relax. Per altri significa vivere esperienze nuove ed emozionanti. Unire le due cose potrebbe sembrare difficile ma non è impossibile: avete mai pensato di dormire in un faro?

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione