Il santuario delle balene nell’Atlantico resta utopia: proposta respinta

Non è stata raggiunta la percentuale minima per realizzare il progetto e nel frattempo prosegue la mattanza

10 maggio 2017 | di Redazione Liguria Nautica
Continua la strage delle balene.
Nessun santuario per le balene nell'Atlantico: proposta respinta.

Il progetto di realizzare un “santuario” per le balene nell’Oceano Atlantico resta un sogno. Nel corso dell’annuale riunione della Commissione Baleniera Internazionale (Iwc), non è stato infatti raggiunto il quorum del 75% necessario per l’approvazione della proposta. Sono stati appena 38 i voti favorevoli su un totale di 64.

Ad opporsi al progetto in maniera più decisa sono stati Giappone, Slovenia e Islanda, Paesi che praticano in maniera intensiva la caccia alle balene. Argentina, Brasile, Uruguay e, soprattutto, il Sudafrica hanno provato invece in tutti i modi a far approvare la proposta ma non c’è stato nulla da fare. Oltre ai noti motivi ambientali, dietro a questo progetto, che è stato bocciato per la terza volta, c’è anche un interesse economico: il fenomeno del whale watching, infatti, è in forte espansione negli ultimi anni e può assicurare grandi ricavi. E’ innegabile, inoltre, che una nuova area protetta, ne esistono già due, avrebbe contribuito notevolmente alla difesa delle balene, che nel decennio scorso avevano rischiato l’estinzione.

Niente santuario per le balene nell’Atlantico: la mattanza continua

La caccia a scopi commerciali di questi grandi cetacei sarebbe illegale dal 1986 ma la strage continua senza sosta. Paesi come il Giappone, dove la carne di balena è un alimento particolarmente diffuso, aggirano senza grossi ostacoli la normativa usando un banale escamotage: è vietata la caccia per scopi commerciali ma non per finalità scientifiche.

E’ notizia di pochi mesi fa, ad esempio, l’uccisione di 333 balene da parte della flotta nipponica. Diverse associazioni hanno cercato di bloccare questa strage ma senza successo ed oggi la situazione pare davvero critica. A detta degli ambientalisti, bisognerebbe monitorare con attenzione i movimenti delle navi asiatiche per dimostrare come la ricerca scientifica non c’entri nulla con questa antica pratica. Nel frattempo la mattanza continua.

Fonti articolo, immagini, video: GreenMe.it, repubblica.it, youtube.com

Paolo Bellosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione