Inquinamento in mare: l’allarme arriva sulle nostre tavole

Un'indagine di Greenpeace segnala un netto aumento delle microplastiche in mare

12 Settembre 2016 | di Redazione Liguria Nautica
Plastiche in mare
Plastiche in mare

Nuovo allarme inquinamento in mare, questa volta sono i tecnici di Greenpeace che stanno diffondendo la notizia. Le recenti ricerche hanno segnalato un netto aumento di materiali in plastica dispersi sui fondali marini.

L’incremento di questi materiali è evidente, basta analizzare qualche dato. Nel 2002 le tonnellate di plastica lasciate in mare sono state circa duecento, oggi sfiorano addirittura le trecento unità. Numeri emblematici che fanno riflettere.

Inquinamento in mare: mangiamo quello che lasciamo in mare?

Un aspetto spesso messo in secondo piano dell’inquinamento in mare è che alcune volte queste sostanze, parliamo delle microplastiche, possono venir mangiate dai pesci che poi in un secondo momento finiranno sulle nostre tavole.

Spesso la fauna marina scambia questi piccoli frammenti per cibo, oppure, questo accade ad esempio per cozze o vongole, la contaminazione può avvenire anche con il semplice contatto con l’acqua. Greenpeace ha trattato queste tematiche nel rapporto  “La plastica nel piatto, dal pesce ai frutti di mare”.

Questi materiali si formano dalla degradazione di oggetti più grandi che si verifica a causa del vento o del moto ondoso. E’ possibile che queste sostanze si rivelino dannose per l’uomo? Gli studi sono ancora agli albori ed è difficile dirlo, di sicuro le probabilità aumentano in maniera netta per i molluschi che si contaminano molto più facilmente.

E’ stato chiesto di analizzare in maniera scrupolosa il pescato, così da limitare, almeno in parte, un tale rischio. A pensarci, però, è davvero beffardo che l’inquinamento in mare possa rivelarsi doppiamente dannoso per l’uomo: una sorta di rivalsa della Natura?

Paolo Bellosta

Argomenti: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione