L’Autorità portuale elettrifica le banchine, stop all’inquinamento

L’Autorità portuale, primo caso in Italia, ha elettrificato le banchine dei bacini di carenaggio presenti in porto

5 Dicembre 2016 | di Redazione Liguria Nautica

Da oggi tutte le navi che sosteranno nell’area del porto di Genova saranno alimentate da terra con energia elettrica eliminando la necessità di tenere i motori accesi. L’Autorità portuale ha infatti elettrificato le banchine dei bacini di carenaggio presenti in porto ovvero quelle attualmente gestite dalla società Ente Bacini. Si tratta di un intervento molto importante in quanto diminuirà drasticamente le quantità di inquinamento, sia acustico che atmosferico. L’intervento è stato realizzato da una ditta di Napoli, la Sici, in seguito all’investimento da 10 milioni di euro di palazzo San Giorgio.

Tutte le banchine delle riparazioni navali sono state dotate di un cavo flessibile montato su una struttura mobile, che prende energia da due centraline elettriche, e arriva a bordo delle navi per poi essere collegato ad un apposito quadro di bordo. L’Enel fornirà pertanto l’energia elettrica ai concessori delle banchine di ormeggio che si occuperanno di gestire la fornitura a bordo delle navi, mentre l’armatore riconoscerà al concessionario gli oneri associati alla posa in opera della connessione elettrica nave-terra e gli oneri del consumo elettrico della nave.

Il piano dell’autorità portuale inoltre prevede un ulteriore investimento di 15 milioni di euro di cui dodici saranno destinati all’elettrificazione del terminal Psa di Voltri-Prà mentre altri 3 milioni di euro andranno alla Stazione Marittima e sarà proprio l’impianto di Ente Bacini a fornire l’energia necessaria a tutti e sei i bacini di carenaggio e alla zona delle riparazioni navali.

Le prime applicazioni di questo tipo all’interno di porti commerciali sono state realizzate solo negli ultimi anni in alcuni moli negli scali di Juneau (Alaska), Los Angeles e San Francisco (California), Lubeck (Germania) e Göteborg (Svezia). Ma in Italia mai era stato portato a termine un impianto del genere, se non all’interno di marine turistiche e basi militari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Cronaca

Aeroporto di Genova, tre anni di lavori per il nuovo terminal

  • 9 Settembre 2019

Sarà lo studio di architettura One Works a realizzare la progettazione definitiva dell’ampliamento del terminal del “Cristoforo Colombo”. Firmato il contratto di affidamento dello studio, per un importo di 288 mila euro

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione