Roghi a bordo della Concordia, indaga l’antimafia

La procura ha deciso di aprire un'inchiesta, sarà l'antimafia a indagare sul fatto

2 Febbraio 2017 | di Redazione Liguria Nautica
Concordia in smalitmento
La Concordia durante lo smaltimento

La Procura di Genova ha aperto un’inchiesta in seguito ai roghi divampati tra il 19 e il 23 gennaio sul relitto della Costa Concordia, due dei quali sicuramente dolosi, che verrà affidato all’antimafia. Dopo i primi accertamenti a bordo del relitto, naufragato in prossimità dell’isola del Giglio nel 2012, la Procura ha deciso di affidare il caso al pool criminalità organizzata anche se questo non implica un coinvolgimento dei clan negli incidenti avvenuti sul relitto.

Inizialmente i roghi sono stati ricondotti ad incidenti casuali dalla procura tuttavia, in seguito alle ricognizioni dei Vigili del fuoco e dell’Asl, che hanno escluso categoricamente la pista accidentale, la Procura ha deciso di mobilitarsi per fare chiarezza su questi misteriosi incidenti. Il movente principale potrebbe essere di natura economica e, soprattutto, il rischio è quello di un ricatto indirizzato a coloro che ancora lavorano sul relitto. «Siamo rimasti sorpresi pure noi nell’apprendere che due roghi sono considerati dolosi – spiega Ferdinando Garrè, presidente del Consorzio Ship Recycling, al Secolo XIX – Non abbiamo maturato un’idea precisa e non c’erano state avvisaglie di tensioni nelle settimane antecedenti».

Foto: Secolo XIX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione