Salvataggio di una tartaruga ad Aprilia

L'equipaggio di un natante ha avvistato e salvato l'animale in difficoltà, vista l'impossibilità a intervenire della Capitaneria

9 Settembre 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Salvataggio di una tartaruga ad Aprilia. Il fatto è successo lo scorso 30 agosto, quando un ragazzo di soli 14 anni, Raffaele Di Micco, ha contribuito al salvataggio di una tartaruga ad Aprilia, nei pressi delle coste dell’isola di Pantelleria.
Il giovane si trovava a bordo della propria imbarcazione da diporto condotta dal padre, il noto avvocato di Pomezia Giorgio Di Micco.

 Salvataggio di una tartaruga ad Aprilia: i fatti

Scrutando il mare, il legale e i suoi due figli hanno notato qualcosa galleggiare in suoerficie. Immediatamente è stata prontamente eseguita la manovra di affiancamento e lì, con stupore, è stata riconosciuta la testuggine. La tartaruga era emersa e non riusciva a inabissarsi, segnale che era ferita.
Come da protocollo, è stata chiamata la Capitaneria di Porto, ma i militari isolani erano tutti impegnati e nessuna motovedetta poteva essere inviata ad affrontare il soccorso.
La paratia della barca era troppo alta e il retino da pesca poco resistente, inadatto per acciuffarla in maniera sicura e per tirarla su: l’unico modo era tuffarsi e prenderla in braccio. In quel punto, seppur vicino alla costa isolana, il mare è molto profondo, ma Raffaele Di Micco, giovane ma esperto nuotatore, si è tuffato, ha avvicinato la creatura e, con cura, l’ha sospinta verso il natante. Aggrappatosi alla scaletta ha abbracciato tenacemente la tartaruga e sollevata di peso, affinché suo fratello Giovanni la traesse a bordo.
All’interno dello scafo la tartaruga – un esemplare poi stimato di circa 26 anni di età per un peso attorno ai 25 kg – giaceva paziente in una cesta, dove veniva ripetutamente versata acqua di mare.
Una volta sbarcati, raccolta la cesta, i Di Micco si sono recati subito presso la sede della Capitaneria, dove ad aspettare c’era già il veterinario che si è occupato della tartaruga iniziando una visita scrupolosa sul suo stato.
Foto: www.ilcorrieredellacitta.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Uomo disperso in mare, la Guardia Costiera lo salva

  • 31 Luglio 2014

Dopo aver scortato il convoglio di nave Concordia durante il suo trasferimento nel porto di Genova, la Cp 941 della Guardia Costiera è stata protagonista di un’operazione di ricerca e soccorso di un uomo disperso in mare a bordo di un natante da diporto

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione