Scarpe realizzate coi rifiuti dell’oceano? Ora è realtà!

Adidas, multinazionale specializzata nell'abbigliamento sportivo, sta portando avanti da anni un'iniziativa molto "green"

21 Marzo 2017 | di Redazione Liguria Nautica
L'ultima creazione in casa Adidas: scarpe realizzate coi rifiuti dell'oceano.
Scarpe realizzate coi rifiuti dell'oceano.

Realizzare un paio di scarpe da ginnastica con i rifiuti dell’oceano? Ormai è realtà!

I numeri dell’inquinamento marino sono davvero terrificanti: pensare che ogni anno finiscano in acqua tra le 5 e le 13 milioni di tonnellate di plastica fa impressione. Un danno non solo all’ambiente ma anche alla fauna: ogni anno infatti 1,5 milioni di animali (tra cui uccelli, pesci, balene, delfini e tartarughe) perdono la vita proprio a causa di questi scarti.

Ovviamente realizzare un paio di scarpe coi rifiuti oceanici non servirà certo a risolvere il problema ma è un segnale, un ottimo punto di partenza. Il messaggio che vogliamo trasmettere è semplice: fare qualcosa di concreto per l’ambiente è possibile, anche per chi, come le grandi multinazionali, non metterà mai da parte il proprio tornaconto.

A volte basta davvero poco, basta trovare il modo di far conciliare interessi economici e tutela ambientale.

Adidas prosegue la sua campagna green: ecco un nuovo modello di scarpe realizzate coi rifiuti dell’oceano

Il brand tedesco ha annunciato da diversi mesi la collaborazione con Parley for the Oceans, associazione che si impegna nella sensibilizzazione su tematiche quali l’inquinamento ambientale.

Adidas ha iniziato dal 2016 a lavorare con Parley per sviluppare fibre a base di rifiuti oceanici riciclati da impiegare nella realizzazione dei propri capi di abbigliamento.

In ordine di tempo l’ultima creazione si chiama Adidas UltraBoost X: un prodotto ideale per gli appassionati del running che cerca anche di salvaguardare l’ambiente. Ovviamente sulla qualità di quest’accessorio non ci esprimeremo, non è nostro compito, è però molto importante che una multinazionale così conosciuta si impegni in campagne di questo tipo. Un segnale forte. Il modo migliore per riutilizzare i rifiuti che da decenni insudiciano i nostri mari.

Paolo Bellosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione