Sulle rotte dei vichinghi a bordo di un Hylas 63. Il viaggio di Alberto Duhau nell’estremo nord dell’Atlantico

In 132 giorni, a bordo di un Hylas 63, Duhau è riuscito ad attraversare l'Atlantico, dalla Florida a Valencia, passando per la Groenlandia

3 Dicembre 2020 | di Redazione Liguria Nautica

Il determinato proprietario di Hylas 63 ha dimostrato quanto sia semplice saltare da un’isola all’altra nell’estremo nord dell’Oceano Atlantico. Con solo pochi miglioramenti per le gelide acque apportati al suo yacht Shaima, Alberto Duhau e un equipaggio in continua evoluzione hanno impiegato 132 giorni per navigare dalla Florida a Valencia, passando per Terranova, Groenlandia, Islanda e Isole Faroe.

Duhau concepì la spedizione come un omaggio ai navigatori vichinghi ed era determinato a farlo in una comoda barca non da spedizione. “Studiando le esplorazioni vichinghe – ha spiegato – ho scoperto che si trattava di navigare su navi veloci e brevi scali, durante le finestre meteorologiche favorevoli, in piena estate. Se i vichinghi lo fecero 10 secoli fa, perché non potremmo farlo oggi in maggiore sicurezza e comfort?”.

Costruito dal cantiere Hylas Queen Long Marine a Taiwan, Shaima è uno yacht con 8 posti letto estremamente confortevole, con linee eleganti dell’incomparabile Germán Frers. Il suo scafo è una costruzione hi-tech che utilizza strati alternati di Twaron e vetroresina per rigidità e resistenza in caso di collisione, ed è stata personalizzata per il lavoro offshore.

I miglioramenti chiave apportati per l’acqua fredda includono la costruzione di un involucro rigido della cabina di pilotaggio, interamente riscaldata, l’installazione di uno scambiatore di calore, il rinforzo delle basi della gru per un tender da 15 piedi e dei cuscinetti del timone. È anche dotata di 120 metri di catena di ancoraggio e lunghe coste.

La spedizione

Una volta che l’Hylas 63 fu pronto per la spedizione, Duhau elaborò una dettagliata tabella di marcia, il cui punto cruciale era la crociera nel sud-ovest della Groenlandia, in particolare il Prince Christian Sound lungo 57 miglia. Questo stretto fiordo, che non supera i 500 metri di larghezza in alcuni punti, separa la terraferma da numerose isole a sud, mentre i ghiacciai si staccano nelle sue acque profonde.

Con un impressionante serbatoio per 2.450 litri di carburante e 1.450 litri di acqua e diversi frigoriferi ben riforniti di cibo fresco, l’Hylas 63 Shaima ha affrontato la costa orientale degli Stati Uniti in una tirata unica. In seguito si è fermato in diversi punti lungo le coste della Nuova Scozia e di Terranova, godendosi la vista di megattere e globicefali. “I piccoli villaggi costieri di questa parte del Canada – ha osservato Duhau – iniziano ad avere il sapore delle città scandinave che punteggiano il paesaggio per il resto del viaggio”.

Hylas

Shaima

Hanno poi aspettato tre giorni a Terranova per una finestra meteorologica, prima di fare il salto di 700 miglia fino a Qaqortoq, la seconda “città” della Groenlandia.  “A volte – ha detto Duhau – potevamo scovare gli iceberg dal caldo della nostra cabina di pilotaggio, ma spesso dovevamo stare a guardare non protetti dal ponte laterale. Le nostre tute di sopravvivenza e i nostri stivali artici erano essenziali. Il calore e il comfort dei lussuosi interni della barca hanno reso un gradito sollievo dal freddo e dalla nebbia”.

Circa il 90% della Groenlandia si trova sotto la calotta glaciale, con solo una striscia di terra esposta intorno alla costa. Scalo dopo scalo, l’equipaggio ha avuto modo di  esplorare a proprio piacimento la terraferma, arrampicandosi sugli iceberg, facendo kayak in mare e pescando il salmerino alpino. L’unico punto critico, dove c’è stato bisogno di alzare il livello di attenzione, è stato durante la traversata del Prince Christian Sound, dove alte scogliere di granito su entrambi i lati sono punteggiate da 12 ghiacciai in fase di distacco.

La traversata verso l’Islanda, lunga 660 miglia nautiche, è stata per lo più libera dai ghiacci. È durata solo quattro giorni e l’isola era decisamente più turistica e meglio attrezzata per trovare assistenza. Duhau aveva in mente di percorrere la più selvaggia rotta verso nord, ma ha dovuto cambiare i piani per recuperare il tempo perduto. “Reykjavik – ha raccontato – è accogliente, culturalmente vivace e divertente. Abbiamo trascorso 10 giorni lì e non abbiamo mai finito le cose da fare”.

Il passaggio alle Isole Faroe si è rivelato più semplice del previsto e da lì hanno raggiunto direttamente le coste scozzesi. Dopo un rapido passaggio a Inverness, Shaima ha poi imboccato il Canale di Caledonia per attraversare la Scozia. Duhau era entusiasta di “arrampicarsi su e giù per dozzine di chiuse marine, navigare attraverso il leggendario lago Ness e raggiungere l’incantevole Oban il terzo giorno”

Ripensando alla sua avventura a bordo dell’Hylas 63, Duhau ha notato che non avevano trascorso più di 6 giorni consecutivi in mare, ben lontano dalle due o tre settimane richieste per la rotta diretta. “La via verso nord – ha sottolineato – è così isolata, così incontaminata, che ti tocca il cuore. Non è necessaria una nave da spedizione per farlo, solo una nave oceanica idonea alla navigazione e un equipaggio competente. Andare da un’isola all’altra attraverso l’Atlantico è un progetto molto fattibile.”

 

Nicolò Scovazzi

Argomenti: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione