Cristiano Ronaldo si veste di plastica riciclata: ecco la terza maglia della Juve

Adidas, sponsor del club bianconero, ha collaborato con Parley for the Oceans per realizzare la divisa della squadra

24 agosto 2018 | di Redazione Liguria Nautica
Plastica negli oceani
La terza maglia della Juve è stata realizzata grazie a Parley Ocean Plastic

Mari e oceani sono sempre più inquinati e le previsioni sono davvero preoccupanti. Basti pensare che recentemente è stato ritrovato un sacchetto di plastica in fondo alla Fossa delle Marianne. L’uomo è riuscito a lasciare la sua schifosa impronta anche a 11 mila metri di profondità, un qualcosa di impensabile. Molte aziende stanno lavorando per realizzare prodotti creati con la plastica riciclata, un piccolo segnale che è comunque importante per cercare di sensibilizzare le persone e di trattare la problematica.

Adidas collabora da anni con Parley for the Oceans per realizzare scarpe e vestiti grazie al riciclo di rifiuti trovati sulle coste e destinati a finire negli oceani. Dalle calzature e dai costumi, creati con vecchie reti da pesca e con nylon di scarto, siamo arrivati a tute e maglie da calcio. E’ notizia delle ultime ore che la terza maglia della Juve, attuale squadra del fenomeno Cristiano Ronaldo, è stata creata con gli scarti della plastica.

Cristiano Ronaldo e la lotta alla plastica: ecco l’ultima divisa della Juve

Il passaggio del campione portoghese al club di Torino è stata la bomba del calciomercato mondiale. Un po’ per la cifra (105 milioni il costo del cartellino e 30 i milioni annui che l’attaccante percepirà fino al 2022) e un po’ per i numeri folli dell’ex Real (438 presenze e 450 reti in maglia blancos).

E’ stato un acquisto pazzo oppure un grande colpo della dirigenza bianconera? La risposta non ci interessa, ma quel che conta è che la Juve, e indirettamente anche Cristiano Ronaldo, si è schierata contro l’inquinamento da plastica negli oceani. Infatti la terza divisa, di colore grigio con le scritte gialle, è stata realizzata in collaborazione con Parley for the Oceans.

Sapete quante magliette con il numero 7 sono già state vendute? Vi diciamo che in una sola giornata è stato raggiunto il numero record di 520 mila casacche: alllucinante. Ma perché è così importante vedere la scritta “Cristiano Ronaldo” su una maglietta realizzata con gli scarti della plastica? E’ semplice, oggi sono i personaggi più popolari che lanciano le tendenze e se Cr7 indossa un capo di questo tipo, allora questo per molti sarà un must: moralmente non è corretto ma è così. Inoltre un prodotto del genere può far capire alla gente che dal riciclo della plastica si può ottenere una maglietta bella e di estrema qualità e indirettamente queste persone verranno sensibilizzate perché magari decideranno di approfondire la tematica dell’inquinamento degli oceani. Forse siamo troppo ottimisti ma è doveroso sperarci.

E’ anche vero che una persona non dovrebbe interessarsi al futuro del suo Pianeta solamente dopo l’acquisto di una maglietta da calcio ma ora la cosa più importante è sensibilizzare tutti a questa tematica. Non importa come: ben venga Cr7.

Paolo Bellosta

Argomenti: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. Rossano ha detto:

    Se LA plastica e’ cosi dannosa perche’ si continua a produrla,?e’ meglio non produrla che riciclarla

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione