Disattenzioni in barca: rischiano di affondare per dei sacchetti di plastica

Anche le più banali disattenzioni in barca possono risultare molto pericolose: a Capo Noli un natante stava rischiando di affondare. L’intervento della Guardia Costiera ha evitato il peggio

23 Agosto 2021 | di Giuseppe Orrù
Disattenzioni in barca
La motovedetta CP604, della Guardia Costiera di Savona

Anche la più banale delle disattenzioni in barca può risultare molto pericolosa. Al punto da provocare l’affondamento di un’unità. Possono bastare dei semplici sacchetti di plastica, come dimostra l’episodio avvenuto giovedì 19 agosto nella Riviera ligure di Ponente, a un centinaio di metri dalla scogliera di Capo Noli.

E’ qui che la motovedetta CP 604, della Guardia Costiera di Savona, durante un servizio di pattugliamento nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro”, ha avvistato un natante in difficoltà con quattro persone a bordo. La piccola barca, a causa del moto ondoso, aveva imbarcato e continuava a imbarcare una notevole quantità di acqua nel gavone di prora.

I militari della motovedetta si sono subito accorti che l’unità risultava particolarmente inclinata e si sono avvicinati per prestare soccorso ed evitare il possibile affondamento. Dopo aver messo in salvo i quattro occupanti, due adulti e due minorenni, tutti residenti in provincia di Pavia, trasbordati sull’unità della Guardia Costiera, un militare dell’equipaggio è salito a bordo del natante e ha risolto “il problema”.

Il soccorritore, infatti, si è accorto che alcuni sacchetti di plastica messi nel gavone ostruivano gli scarichi del pozzetto. E’ bastato liberarli, spostando i sacchetti, per far defluire l’acqua imbarcata. Il caso si è risolto quindi con un grande spavento per la famiglia di diportisti, nessuno dei quali ha avuto necessità di alcuna assistenza medica.

Ma al di là del semplice fatto di cronaca, questo episodio rivela come anche piccole disattenzioni in barca, oppure una scarsa conoscenza dell’unità (che magari è presa a noleggio), possano creare problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. hook ha detto:

    I soliti motoscafari della domenica…. questo sono gli stessi che in auto, mentre stai facendo un regolare sorpasso, ti arrivano di coda a 150 orari lampeggiando come pazzi, senza darti il tempo di scansarti…… arrivano loro e tu ti devi togliere dai cgln……

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione