HackerInBoat: salperà da Genova la nave dei pirati informatici

Partirà dal capoluogo ligure ai primi di maggio la prima crociera riservata ad un pubblico assai particolare: gli hacker

5 aprile 2019 | di Riccardo Bottazzo
Nave hacker
Il logo della crociera per hacker in partenza da Genova il 2 maggio

Una nave tutta piena di hacker. Partirà dal porto di Genova, giovedì 2 maggio, e navigherà per quattro giorni nel Mediterraneo su una imbarcazione della flotta Costa Crociere, con tappe a Marsiglia e a Barcellona. E sarà certo un bel diversivo per gente abituata a navigare sì, ma soltanto nel “mare” di internet. Ad organizzare la crociera è l’associazione di hacker “etici” – poi spiegheremo cosa si intende con questo termine – HackInBo che ha pensato di spostare in mare aperto, possibilmente fuori dalle acque territoriali italiane, il suo evento annuale dedicato ai sistemi di sicurezza informatica e che hanno chiamato HackInBoat. Hacker in barca.

La notizia è girata, per ora, sono negli ambienti dei cosiddetti “nerd smanettoni” e non c’è stato bisogno di pubblicizzarla tanto, considerato che i 150 posti a disposizione sono andati letteralmente a ruba. Tutto esaurito già da mesi. Non sto neppure a spiegare che il programma della crociera non prevede karaoke, feste in discoteche o giochi di società. Al loro posto ci saranno interessantissime conferenze tenute da hacker di altissimo livello e ben noti nell’ambiente, del tipo: affinità e divergenze tra risk assessment, vulnerability assessment, penetration test, red/blue teaming e altre buzzword assortite. Oppure: pwning for fun & profit: la dura vita del pentester. O, se preferite, non mancherà una bella discussione sul perché l’evil bit non era poi un’idea così balzana. 

Gli hacker di HackInBo

Gli hacker di HackInBo discutono in un seminario di come portare un attacco hid ad un livello successivo

E’ una crociera “per tutti”, assicurano gli amici di HackInBo. Tutti coloro che “hanno crackato il primo gioco sul gameboy, sognano in assembler, in mezz’ora si fanno una dmz, hanno scritto il codice di Rousseau, vendono 0day nei Paesi arabi o perlomeno sono dei semplici cyberinfluencer”. Simpatici vero? E vi risparmio i requisiti per poter essere ammessi alla crociera! Io non ho capito neppure dove andavano a parare!

HackInBo, acronimo di “hacker in Bologna”, è probabilmente una delle comunità di smanettoni più importanti d’Italia e raggruppa i migliori talenti informatici del Paese. Il loro sito non è particolarmente ricco di informazioni riguardo al loro operato e spiega solo che l’associazione non ha scopo di lucro e si pone come obiettivo l’approfondimento di questioni legate alla vulnerabilità dei sistemi informatici con lo scopo – etico, per l’appunto – di mettere le proprie conoscenze tecniche a servizio della comunità degli internauti per aiutarli a proteggere i dati sensibili.

HackInBo organizza due eventi all’anno dedicati a questo tema che si tengono in posti sempre diversi e mai troppo pubblicizzati. Uno di questi appuntamenti formativi è, per l’appunto, questa crociera. 

Perché tanta segretezza? Intanto perché da gente che lavora nella sicurezza informatica non c’era da aspettarsi altro. Ma il punto fondamentale è che le tecniche che si usano per proteggere un sistema implicano necessariamente una conoscenza completa dei sistemi praticati per hackerarlo. Mi spiego con un esempio. Non c’è nulla di male a seguire un corso per scassinare una cassaforte. La pratica potrebbe rivelarsi utile in molte situazioni come, ad esempio, la banale perdita della chiave.

Ma è anche evidente che tali conoscenze potrebbero essere usate anche per scopi molto più fraudolenti! Se la leggiamo sotto una lente fantasy, sembra un po’ una lotta tra maghi bianchi e maghi neri! La “magia” che scardina un sistema di protezione dati è la stessa che ti aiuta a difenderlo. E altro non resta da dire se non augurare un buon vento ai nostri hacker in crociera. E speriamo che, perlomeno per qualche minuto, si sforzino di alzare la testa dal loro laptop per accorgersi che, oltre quello che serve per navigare nella rete, c’è un altro mare attorno a loro. Più azzurro e anche più bello.  

Argomenti: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Viaggi

Vita da crociera: la sosta in rada

  • 27 luglio 2016

Condizioni meteo favorevoli, mancanza di ormeggi nei marina o semplicemente la voglia di godersi la pace del mare lontano da folle e schiamazzi possono spingere l'equipaggio a trascorrere la notte ormeggiati alla fonda in un ridosso o in una baia tranquilla. Qualche consiglio per dare fondo all'ancora e le procedure di sicurezza da adottare.

Mercato nautica

Voglia di charter? Ci pensa il 43° Parallelo

  • 12 marzo 2015

La qualità prima di tutto. Per chi cerca un charter con certe caratteristiche, 43° Parallelo, nella splendida cornice della Marina di Scarlino, può offrire la vacanza ideale

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione