La Guardia di Finanza scopre in Sardegna 11 yacht di lusso sconosciuti al fisco: multe per 1,5 milioni di euro

Operazione internazionale condotta dalla Sezione operativa Navale della Guardia di Finanza di Alghero: nei guai cittadini italiani che non hanno dichiarato la proprietà delle imbarcazioni

11 Settembre 2020 | di Giuseppe Orrù
Controlli della Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza di Alghero ha scoperto 11 yacht di lusso a vela e a motore, completamente sconosciuti al fisco. Si tratta di imbarcazioni battenti bandiera straniera ma di proprietà di cittadini italiani, che avevano omesso di dichiararne la proprietà e, pertanto, dovranno pagare sanzioni per un valore complessivo superiore a 1 milione e mezzo di euro.

L’operazione, condotta dalla sezione operativa navale delle fiamme gialle dall’inizio dell’anno, aveva come obiettivo la verifica dei comportamenti di quei contribuenti che hanno sottratto attività, patrimoni e finanze al fisco italiano, trasferendo, in modo fittizio, la propria residenza all’estero.

I controlli hanno accertato il mancato adempimento al monitoraggio fiscale, che obbliga i cittadini, fiscalmente residenti in Italia, ad indicare nella dichiarazione annuale dei redditi tutti i patrimoni detenuti all’estero (tra questi rientrano le unità navali da diporto), in modo da versare le relative imposte patrimoniali.

L’analisi delle informazioni contenute nelle banche dati della Guardia di Finanza, confrontate con le risultanze dei controlli eseguiti in mare e sul territorio, soprattutto con l’impiego dei mezzi navali delle fiamme gialle, ha consentito ai finanzieri di stilare delle liste selettive di alcune posizioni dei contribuenti maggiormente a rischio.

In sostanza la Finanza ha individuato, analizzando le varie banche dati, quei contribuenti sospettati di aver eluso gli obblighi tributari legati al possesso di imbarcazioni sconosciute ai registri nazionali. Oltre all’attività di accertamento dei patrimoni detenuti all’estero, le fiamme gialle conducono indagini di questo tipo perché “spesso tali movimenti di denaro – spiega la Guardia di Finanza – mascherano molte operazioni illecite o, addirittura, truffe“. L’attività investigativa è stata coordinata in tutta la Sardegna dal Reparto Operativo Aeronavale di Cagliari.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

2 commenti

  1. giulio cesare calza ha detto:

    11 yacht per complessivi 1,500.000 € danno un valore medio di 136.000 € cadauno. In Italia abbiamo un parco imbarcazioni immatricolate (da 10 fino a 25 mt) che credo arrivi a 50.000. Abbiamo però 45.000.000 , (dico 45 milioni ) di auto immatricolate.
    Vale la pena utilizzare con grande impiego di mezzi navali la Guardia di Finanza per scovare 11 evasori ?

  2. riccardo paba ha detto:

    uno dei primi provvedimenti verso queste persone dovrebbe esserel interdizione a tutti i servizi nazionali per l intero gruppo familiare:
    Sanità scuola università borse di studio etc

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione