Mareggiata, Toti: “A Portofino in auto entro il ponte del 25 aprile”

Tre mesi di lavoro per ripristinare la strada carrabile tra Portofino e Santa Margherita Ligure. Il 21 gennaio verrà consegnato il cantiere per il rifacimento della strada provinciale 227 distrutta dalla mareggiata

28 dicembre 2018 | di Giuseppe Orrù
La fiaccolata di Natale a Portofino
La fiaccolata di Natale a Portofino

Ci vorranno tre mesi di lavoro per ricostruire la strada provinciale 227, che collega Portofino a Santa Margherita Ligure, distrutta dalla mareggiata dello scorso 29 ottobre. Entro il 25 aprile, festa della Liberazione che, insieme alla Pasqua (che sarà il 21 aprile), sancisce l’inizio delle gite fuori porta, Portofino sarà di nuovo raggiungibile in auto. Ad annunciarlo è stato il governatore della Liguria, Giovanni Toti, durante un sopralluogo sulla passerella pedonale della Cervara.

“Prima del ponte del 25 aprile -ha spiegato Toti- sarà di nuovo possibile passare su questa strada in auto. Appena finite le vacanze di Natale il cantiere ripartirà per costruire la vera e propria strada. Il 21 gennaio -ha aggiunto il governatore- consegneremo all’azienda che avrà fatto la migliore offerta questa strada, che, con tutte le deroghe dei poteri commissariali che abbiamo, verrà ricostruita e aperta prima del ponte del 25 aprile”.

“La politica -ha sottolineato Toti- quando non si perde in chiacchiere, proclami e slogan ma si rimbocca le maniche e si mette a lavorare, può fare anche delle buone cose”. Dal governatore della Liguria è giunto anche un’appello a visitare Portofino, il Tigullio e tutta la regione.

Mentre si sta lavorando per ripristinare i danni che hanno colpito la Liguria, “è stato messo a punto -ha ricordato Toti-un ricco programma di eventi -spiega Giovanni Toti- oltre a importanti campagne di promozione. Dallo spot di Regione Liguria e Costa Crociere, alla partecipazione a Stoccolma alla consegna dei Premi Nobel”.

Sin dal giorno dopo la mareggiata l’invito, infatti, è stato quello di “non lasciare sola la Liguria”. Fino all’Epifania, intanto, la passerella della Cervara resterà aperta al pubblico. Si potrà raggiungere in auto o con la navetta, attraversare a piedi e “cogliere questa occasione -ha affermato il governatore ligure- per ammirare degli scorci sul Golfo del Tigullio che magari dalla macchina non si riescono a vedere”. E poi arrivare a Portofino per una visita e una passeggiata nel borgo più famoso del mondo.

La passerella della Cervara è stata proprio il punto di partenza della fiaccolata di Natale che ha unito idealmente Santa Margherita Ligure, Paraggi e Portofino. Oltre 200 persone hanno partecipato a questo evento, che si è concluso con la messa di Natale, insieme al sindaco di Portofino Matteo Viacava, al vicesindaco Giorgio D’Alia, al sindaco di Santa Margherita Ligure Paolo Donadoni ed al consigliere regionale Alessandro Puggio.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione