Mareggiata, recuperato un peschereccio affondato a Santa Margherita. Slitta la rimozione del Suegno

Spettacolare operazione di recupero per il peschereccio Pinetto Giacomo, completamente affondato nel porto di Santa Margherita Ligure durante la mareggiata del 29 ottobre. A Rapallo le condizioni meteorologiche rallentano la rimozione dello yacht di Pier Silvio Berlusconi

14 marzo 2019 | di Giuseppe Orrù
Il relitto del peschereccio Pinetto Giacomo
Il relitto del peschereccio Pinetto Giacomo

La Pasqua è sempre più vicina e il Tigullio corre per mantenere la promessa e restituire a residenti e turisti la normalità entro il 21 aprile, quando i danni della mareggiata dello scorso 29 ottobre dovrebbero essere solo un ricordo. In tutte le località colpite dall’ondata di maltempo senza precedenti, si lavora infatti senza sosta per ripristinare le passeggiate a mare, i moli, le dighe e i fondali.

Nel porto di Santa Margherita Ligure, intanto, sono terminate le complesse operazioni di recupero del peschereccio Pinetto Giacomo. Le operazioni, di cui sino sono occupati i tecnici, sono state costantemente monitorate dalla Guardia Costiera di Santa Margherita Ligure. Il relitto, che era interamente sott’acqua, è stato issato a bordo di una chiatta, che lo trasporterà a terra.

A Rapallo, invece, continua a slittare il recupero del Suegno, l’ex yacht di Pier Silvio Berlusconi che dal 29 ottobre giace al centro del porto Carlo Riva. A fine febbraio lo yacht è stato raddrizzato e la rimozione sembrava questione di pochi giorni. Ma le condizioni meteorologiche dei giorni scorsi hanno costretto i tecnici a rimandare il tutto. Tra venti di burrasca, allerte del centro meteo della Protezione Civile e mare mosso, le operazioni non sono potute andare avanti.

I tecnici, infatti, hanno bisogno di almeno 48 ore di condizioni meteomarine ottimali per consentire ai due pontoni che dovranno intervenire al centro del porto Carlo Riva, di issare su una chiatta il Suegno, senza che si spezzi in più parti e trasportarlo in sicurezza fino a Genova. Intervento da realizzare su un fondale che, per quanto sia stato livellato a 3 metri intorno al relitto (il Suegno pesca 2,5 metri), risente ancora degli effetti della mareggiata ed è molto irregolare.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione