In Israele una spada di 900 anni fa riemerge dal fondo del mare

La spada, dall’elsa di 30 centimetri e una lama lunga circa 1 metro, si ipotizza poter essere appartenuta ad un cavaliere delle crociate

26 Ottobre 2021 | di Maria Cristina Sabatini

Chissà se il sub israeliano Shlomi Katzin, quando in un fine settimana di ottobre decise di immergersi nelle acque al largo della costa di Carmel, si sarebbe mai immaginato di portare alla luce un reperto così raro e prezioso: una spada, dall’elsa di 30 centimetri e una lama lunga circa 1 metro, che gli studiosi ipotizzano poter essere appartenuta ad un cavaliere delle crociate.

Shlomi Katzin appena individuato il prezioso reperto non ci ha pensato due volte e ha lo ha subito consegnato alla Israel Antiquities Authority. Assieme alla spada, il fortunato sub ha individuato anche manufatti in metallo, in pietra e frammenti di ceramiche. Gli antichi reperti, custoditi dalle acque del mare, sono venuti alla luce grazie alle onde e alle correnti sotterranee che con il loro moto hanno spazzato i fondali sabbiosi.

La spada potrebbe risalire al periodo delle crociate

I reperti sono stati scoperti in un lembo di costa caratterizzato dalla presenza di numerose calette, che, fin dall’età del bronzo, ben 4.000 anni fa, le imbarcazioni utilizzavano come riparo naturale. Oggi, grazie al raro ritrovamento, è possibile conoscere qualche cosa in più sulla storia del territorio. “La recente scoperta della spada – osserva Kobi Sharvit, direttore dell’Unità di Archeologia Marina della Israel Antiquities – suggerisce che la caletta naturale sia stata utilizzata anche nel periodo crociato, circa 900 anni fa”.

Il ritrovamento degli antichi manufatti, proprio in quella zona, non è quindi da considerarsi così bizzarro e molto probabilmente Shlomi Katzin, tuffandosi in quello specchio di mare, era a conoscenza della sua ricchezza storica, ma certamente mai si sarebbe immaginato un ritrovamento così prezioso, tale da far rimbalzare il suo nome in ogni angolo del mondo!

Una spada in ferro conservata in perfette condizioni

Non è dato sapere se l’imbarcazione a bordo della quale si trovava il cavaliere assieme alla sua spada abbia fatto naufragio. Oppure se il guerriero l’abbia persa durante una battaglia. Chissà quanta storia ha vissuto quell’arma arrivata fino a noi come in un salto temporale.

Racconti che abbiamo solo potuto studiare sui libri. Ciò che è certo, è che la spada, dopo quasi 1000 anni di acqua salmastra e vita sottomarina, si è presentata al suo appuntamento con la notorietà completamente ricoperta di concrezioni marine. “La spada di ferro – spiega Nir Distelfeld, ispettore della Israel Antiquities Authority’s Robbery Prevention Unit- si è conservata in perfette condizioni ed è una scoperta bella e rara”.

L’imponente arma, al tempo, sarebbe stata molto costosa da realizzare, come spiega sul New York Times Jonathan Phillips, professore di storia delle crociate al Royal Holloway-University of London. Sarebbe stata vista – sottolinea – come uno status symbol“.

In merito, invece,  al luogo del ritrovamento, il professor Phillips afferma: “Ha senso che sia stata trovata nel mare, perché molte battaglie sono state condotte vicino alle spiagge, dove i soldati cristiani sbarcavano e talvolta venivano attaccati dalle forze musulmane”.

Maggiori informazioni sulla spada e soprattutto sulla sua storia e le sue origini si potranno ottenere solo dopo che l’arma sarà ripulita dai secoli che l’hanno vista attendere sul fondo del mare e studiata all’interno dei laboratori dell’Israel Antiquities Authority. E poi “faremo in modo che sia esposta al pubblico”, annuncia Eli Escosido, direttore generale dell’IAA.

 

Maria Cristina Sabatini

 

Photo by: Nir Distelfeld/ Israel Antiquities Authority

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione