Al via il primo Salone Nautico di Bologna: sotto le Torri oltre 130 barche da 5 a 18 metri

L’esposizione, che si terrà dal 17 al 25 ottobre a BolognaFiere, rappresenterà l’intera filiera nautica. Presenti i cantieri leader di imbarcazioni tra i 5 e 18 metri, accessori e servizi

14 Ottobre 2020 | di Giuseppe Orrù
Bologna "si tinge di blu" per la prima edizione del Salone Nautico

Bologna si tinge di blu. E’ lo slogan scelto per la prima edizione del Salone Nautico di Bologna, in programma da sabato 17 a domenica 25 ottobre. In boat show che debutta nell’anno nero del Covid ma che può contare sull’onda lunga dell’entusiasmo che ha accompagnato il Salone Nautico Internazionale di Genova, che ha dimostrato che, anche con la pandemia, la passione dei diportisti non accenna a diminuire. Anzi, gli affari sono andati anche meglio del previsto, con il record di contratti chiusi in fiera.

Oltre 40 espositori, più di 130 imbarcazioni in mostra e ben 24.800 metri quadrati di superficie: questi i numeri della prima edizione del Salone Nautico di Bologna, organizzato dalla società Saloni Nautici Internazionali d’Italia (SNIDI) nel quartiere espositivo di BolognaFiera. Il salone, che dura nove giorni e racchiude due weekend, propone un’area dedicata alle imbarcazioni tra i 5 ed i 18 metri, nonché motori, accessori e servizi dell’intera filiera nautica.

Resta dunque invariata la formula espositiva voluta dagli organizzatori, nonostante la rimodulazione del progetto iniziale a causa del Covid-19. Il Salone si sviluppa su tre padiglioni (19-21-22), con oltre 18 mila metri quadri in cui troveranno posto numerosi cantieri, italiani e stranieri, di yacht, motoscafi, gozzi e gommoni. Ci saranno oltre 100 marchi in rappresentanza di una produzione che vede impegnate aziende di 10 regioni italiane e di 2 Paesi stranieri.

LA PRIMA VOLTA DELLA CINA

Numerose le novità, alcune in anteprima internazionale, che saranno presenti alla prima edizione del SNB. La partecipazione del cantiere cinese AlumBoats, per la prima volta in Italia, indica l’interesse internazionale per la piazza emiliana, ma anche le esclusive dei produttori italiani sottolineano l’attenzione a questa nuova fiera.

Dai campani Collin’s Marine che presenteranno in anteprima il gommone Panamera PY95, Italiamarine con il nuovo 31 Cabin ed un’altra sorpresa in definizione, ai siciliani di Marine Site con le due barche 19XL e 19XL Fischer, fino ai romagnoli dell’azienda Mitek con la gamma di motori elettrici e l’anteprima del nuovo outboard, senza dimenticare i lombardi di PMP, che presentano l’assoluta novità del martinetto radiocomandato Formula 1 T30.

Tra i 20 cantieri di yacht e barche presenti, spiccano i nomi di Rio Yacht, Rizzardi e Salpa, mentre per le produzioni di gozzi e gommoni non mancano alcuni leader del settore come Spx, Italiamarine, Salpa, Altamarea, 2Bar, Oromarine, Nautica Esposito e Cantieri Mimì. Nel segmento motori l’attenzione è rivolta ai motori elettrici Mitek che consentono una riduzione fino al 90% di emissioni di CO2 in atmosfera, in linea con la filosofia di tutela ambientale degli organizzatori, che punteranno sempre di più sul mondo della vela.

Ad aprire il Salone Nautico di Bologna, affiancato e sostenuto dagli enti istituzionali Regione Emilia Romagna e Comune di Bologna e realizzato in collaborazione con BolognaFiere, sarà un convegno inaugurale al quale prenderanno parte alte cariche del governo. Venerdì 23 ci sarà invece l’assegnazione dei Blu Award, i riconoscimenti assegnati alle persone e aziende che hanno contribuito alla promozione del “pianeta mare” in tutte le due declinazioni.

COME VISITARE IL SALONE

L’accesso al Salone Nautico di Bologna, dal 17 al 25 ottobre, è previsto tutti i giorni dalle 10 alle 18,30 attraverso il varco Costituzione. Nel rispetto delle misure del protocollo anti-Covid per le esposizioni fieristiche, l’acquisto del titolo d’ingresso si effettua online al costo di 10 euro, mentre alle casse il ticket costerà 12 euro.

PERCHE’ BOLOGNA?

La realizzazione del Salone Nautico di Bologna – spiega Gennaro Amato, presidente di Snidi, società organizzatrice del Salone Nautico di Bologna – scaturisce da una duplice realtà di mercato. Da un lato la necessità di realizzare un’esposizione dedicata ad un segmento specifico della nautica, quello tra i 5 e 18 metri, dall’altro l’esigenza di creare una fiera nel Nord Italia che rappresentasse la nautica vera, quella più accessibile a tutti.

La scelta di Bologna quale sede del Salone – sottolinra Amato – indica una valutazione strategica perché il capoluogo emiliano è baricentrico tra la riviera adriatica e quella tirrenica, ma allo stesso tempo è sede di un quartiere fieristico, quello di BolognaFiere, di altissimo prestigio e snodo nevralgico del transito autostradale e ferroviario italiano. Sono questi gli aspetti tecnici che hanno consentito di superare l’impasse di scegliere come sede una città dove il mare non è presente.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione