Coronavirus, annullata defintivamente la tappa di Cagliari dell’America’s Cup. Luna Rossa: “Si poteva rinviare, siamo rammaricati”

L’Arbitration Panel della America’s Cup ha stabilito che, a causa della pandemia Coronavirus e delle misure restrittive imposte dai governi, è oggettivamente impossibile organizzare l’evento

19 Marzo 2020 | di Giuseppe Orrù
La base di Luna Rossa a Cagliari
La base di Luna Rossa a Cagliari

Nessun rinvio. L’America’s Cup in Sardegna è annullata. La decisione era nell’aria, come aveva fatto presagire il comunicato del COR36, il braccio operativo di Luna Rossa che aveva il compito di organizzare l’evento. Il COR36 aveva proposto un rinvio, mentre il Defender parlava già di annullamento.

Dopo il ricorso presentato da parte del New York Yacht Club/American Magic all’America’s Cup Arbitration Panel in merito alla sua partecipazione alle America’s Cup World Series Sardegna-Cagliari e alle successive risposte del COR 36, del Defender e di INEOS Team UK, il Panel ha pubblicato la sua decisione.

A causa della pandemia Coronavirus e delle misure restrittive imposte da vari governi, il Panel ha riconosciuto che è oggettivamente impossibile organizzare le ACWS Sardegna-Cagliari, previste dal 23 al 26 aprile e ha annullato l’evento, sollevando l’organizzatore e i concorrenti dagli obblighi previsti dal protocollo.

Il Panel ha anche stabilito di non avere il potere di posporre le ACWS Sardegna-Cagliari ad altra data, né di imporre l’organizzazione di ulteriori eventi ACWS, e nemmeno di disporre periodi di “blackout” dell’attività velica, che non sono previsti dal protocollo, in quanto l’Arbitration Panel non ha il potere di cambiare il protocollo.

Uno spostamento delle ACWS Sardegna-Cagliari ad altra data sarebbe quindi possibile unicamente con l’accordo tra il Challenger of Record e il Defender, quindi tra Luna Rossa e il team Emirate New Zealand. Non essendo però il Defender disposto ad accettare un cambiamento di data delle ACWS Sardegna-Cagliari, l’evento è ora definitivamente annullato.

LUNA ROSSA: “SI POTEVA RINVIARE”

Appresa la notizia che l’America’s Cup World Series di Cagliari è stata definitivamente saltata, Luna Rossa Prada Pirelli Team ha commentato la scelta dell’Arbitration Panel con una nota.

Siamo rammaricati per questa decisione – sottolinea il team di Luna Rossa – che non lascia spazio a eventuali posticipi, nonostante la richiesta da parte del Challenger of Record, non accettata dal Defender-Emirates Team New Zealand. Ci stavamo preparando all’evento da più di due anni con il massimo impegno e speravamo di poter regatare davanti a tutti i nostri supporter nelle acque di Cagliari, città che ci ospita con tanto calore e di cui ci sentiamo parte integrante”.

Al momento Luna Rossa non lascerà la sua base al porto di Cagliari, a Molo Ichnusa, dove da alcuni giorni aveva trovato anche una nuova mascotte. “Nonostante questo – spiega il team – manteniamo alta la concentrazione e continuiamo il nostro percorso con grande dedizione e passione per essere pronti, al meglio, per disputare le sfide che ci aspettano in vista della 36ª America’s Cup”.

Il gruppo ha voluto ringraziare “per il grande supporto, la Regione Sardegna, il Comune di Cagliari, le autorità e tutti gli enti che hanno con grande impegno lavorato a questo progetto. Un importante ringraziamento va anche ai nostri sponsor, fornitori e tutti i collaboratori che ogni giorno ci sostengono con fiducia”.

“La nostra base – conclude il team di Luna Rossa – rimarrà qui fino alla partenza per la Nuova Zelanda, e continueremo la preparazione a Cagliari in vista degli appuntamenti per la 36ª America’s Cup“. Ha perso la Sardegna ma anche tutta l’Italia, costretta dire addio alla sua ACWS, a causa del Coronavirus, ma non solo.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione