La goletta aurica “Vera Mary” di Giorgio V è quasi pronta per solcare i mari

Proseguono al Cantiere Valdettaro di Portovenere i lavori di restauro della storica imbarcazione. Immagini e video esclusivi di LN

1 Marzo 2020 | di Maria Cristina Sabatini

Bella come una signora elegante e senza tempo. Continuano al Cantiere Valdettaro di Portovenere i lavori di restauro della goletta auricaVera Mary“, 22 metri di indiscutibile fascino. L’imbarcazione, varata nel 1932 nel cantiere inglese Berthon Boat Company di Lymington e acquistata nel 1935 da Re Giorgio V d’Inghilterra per donarla all’amico Sir Philip Hunloke, suo istruttore di vela e skipper del Britannia, è arrivata alle Grazie nel 2017.

Terminato lo scafo in legno e il restauro tecnico della goletta, il lavoro delle maestranze si sta ora concentrando sul ripristino degli interni dell’imbarcazione, concluso il quale, nei prossimi mesi estivi, sarà pronta per solcare nuovamente i mari.

Lo studio e la ricerca prima di tutto

Un lavoro certosino che ha avuto inizio da una prima intensa fase di studio e ricerca durata ben 4 mesi. Prima si è dovuto capire, cercare e studiare, grazie all’individuazione e all’acquisizione delle principali foto d’epoca dell’imbarcazione e ad un’indagine appassionata, osservando con attenzione, tramite l’utilizzo di una lente, ogni dettaglio interno ed esterno della goletta. Poi è arrivato il momento della ricerca degli accessori e il recupero degli interni.

Non sapevamo com’era fatta la barca – sottolinea l’ebanista Daniele Pollastroquindi con la lente d’ingrandimento, partendo dalle vecchie  foto, siamo risaliti a tanti dettagli guardando la fibra del legno, il nodo”. Passione, affiatamento, collaborazione e una maestria tutta italiana che ha portato il capo cantiere Davide Gazzarini a rintracciare perfino la medesima fonderia francese che aveva realizzato i bronzi originali della Vera Mary, riuscendo a recuperare lo stesso modello di lampade per le parti nuove.

Come in un set cinematografico

Trasferita poco più di due anni fa dalla bassa Baviera, dove erano stati già effettuati i primi lavori esterni di sostituzione di una parte delle ordinate in quercia e dei bagli in rovere di Slavonia, quando è giunta in Italia la goletta era poco più di un guscio vuoto.

Gli interni dell’imbarcazione, arrivati alle Grazie dentro un un container, sono stati assemblati “fuori opera” dalle maestranze come in un set cinematografico, accanto allo scafo in legno della goletta, in linea con l’imbarcazione. Con questa intuizione, l’armatore, solamente guardando le parti assemblate, ha potuto capire come sarebbe diventata la barca e decidere le eventuali modifiche da apportare.

Conservazione e innovazione

Non solo conservazione quindi, ma anche innovazione. Entrati nel ventre della goletta, abbiamo potuto ammirare il lavoro degli artigiani ed immaginare, grazie al racconto di Davide Gazzarini e Daniele Pollastro, come sarà l’imbarcazione finita. Divani capitonné che saranno spaziati diversamente in base ai gavoni.  Legni d’epoca in teak e mogano. Dettagli in bronzo e in cristallo come i flutè delle lampade.

L’antica cala vele, già utilizzata come cabina secondaria per marinai, è ora diventata una comoda cabina di prora.  Qui verrà ridisegnata la stessa boiserie originale della barca e saranno inseriti i pensili laterali in teak. Anche nella zona poppiera, dopo una serie di prove meccaniche e simulazioni, studi e scansioni al laser dei volumi dell’opera viva, è stata cambiata la compartimentazione interna. I volumi abitabili sono stati spostati verso poppa per accogliere due motori separati al posto di uno solo.

Abbiamo mantenuto le sue forme originali, le abbiamo solo arretrate a poppa – spiega l’ebanista Daniele Pollastro – tutto il suo arredo, i comodini  e la scala, tornerà com’era”.  Sulle seste di pioppo, impiegate per prendere le nuove superfici, sarà realizzata la boiserie utilizzando parti del legno d’epoca della goletta, in continuità con il resto dell’imbarcazione. “Due terzi della Vera Mary sono originali, un terzo è nuovo”, racconta il capocantiere Davide Gazzarini.  Una curiosità, anche il pavimento, per esigenze “di statura” del nuovo armatore, è stato abbassato in alcune zone e in altre è stata rialzata la tuga.

Ora il lavoro prosegue, si smontano nuovamente tutti gli interni. Rimarranno solo le paratie strutturali. Tutta la struttura verrà verniciata di bianco. Fuori opera si verniceranno o si laccheranno tutti i particolari, o trasparenti o bianchi. Successivamente la barca verrà rimontata e sarà pronta per solcare nuovamente i mari. Salutiamo questi uomini che fanno del loro lavoro una passione. Lo si percepisce dalla scintilla negli occhi, dalla fatica trasformata dall’emozione. Un eccellenza ligure e italiana, una tradizione antica, un’arte da preservare e da tramandare.

Maria Cristina Sabatini

Foto e video di Claudio Colombo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Francesco Foppiano: "Così ridò vita ai gioielli d’epoca"

  • 5 Ottobre 2013

È genovese uno dei massimi esperti europei di barche classiche americane e non solo: si chiama Francesco Foppiano, ha (solo) 32 anni ed è saldamente al timone della FF Boatworks, azienda specializzata nel refitting e nel restauro di imbarcazioni d’epoca

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione