Tre superyacht con un solo scafo: ecco la Utility Platform 40–UP40 di Antonini Navi

Il nuovo brand del gruppo spezzino presenta uno scafo modulare adattabile a tre diversi tipi di superyacht

16 Giugno 2020 | di Marcella Ottolenghi

Il nuovo brand Antonini Navi, dedicato ai superyacht di lusso del Gruppo spezzino, ha presentato una piattaforma modulare che permette di scegliere tipologia e concept dell’imbarcazione anche a processo costruttivo iniziato. Basato su innovazione e flessibilità, il principio di questa Utility Platform 40-UP40 mutua per l’acciaio modalità fino ad oggi utilizzate in prevalenza per scafi di vetroresina di dimensioni più contenute.

“L’armatore – spiega Aldo Manna, socio e direttore commerciale di Antonini Navi – potrà personalizzare il proprio superyacht a costruzione già iniziata, non solo negli interni, ma anche e soprattutto nella tipologia funzionale. Massima flessibilità di scelta, con tempi di consegna ridotti, poiché la fase di progettazione e di costruzione dello scafo può avanzare in modo indipendente. È una scelta complessa, che richiede indubbie capacità da parte dell’ufficio tecnico, una sinergia totale con un designer di eccezionale esperienza e grande talento ma anche importanti investimenti in ricerca e progettazione”.

La firma dello scafo è dell’architetto spezzino Fulvio De Simoni, in stretta collaborazione con il team tecnico del cantiere navale: un involucro dall’elevato livello di affidabilità, robustezza e tenuta, che racchiude spazi abitabili e confortevoli. Le linee d’acqua sono studiate per la massima efficienza, in modo che l’opera viva garantisca una navigazione sicura, pur con consumi ridotti.

Tre le differenti possibili sovrastrutture: motoryacht elegante, crossover marino ed essenziale, sport explorer solido e multifunzionale. Il design si contraddistingue per l’armoniosità dell’insieme, sviluppato su due ponti lineari, senza interruzioni, connessi da un mezzo-ponte dedicato alla timoneria. I bordi liberi dalle linee morbide sono voluminosi, mentre il taglio della prua rivela uno stile contemporaneo. La poppa risulta la parte del progetto più flessibile, studiata per esaltare di volta in volta i caratteri dei tre diversi concept.

Estrema personalizzazione anche per gli interni, in modo da customizzare l’unità nel numero delle cabine, nella dimensione degli ambienti e nei dettagli estetici, in base a richieste specifiche. L’autonomia da “grand cruiser”, resa possibile dalla presenza di grandi serbatoi di carburante, vede il raggiungimento di oltre 5 mila miglia all’andatura di 10 nodi, con una velocità di crociera di 12 nodi e una velocità massima di 14 nodi.

La progettazione del primo esemplare di Utility Platform 40 – UP40 è in fase di ultimazione, mentre la costruzione inizierà a settembre di quest’anno. Un processo che avrà il suo punto di forza nella sensibile riduzione dei tempi realizzativi. Grazie infatti alla possibilità di partire con architettura navale, ingegneria e costruzione, in attesa dell’eventuale scelta del concept, il tempo di consegna di questi scafi di 40 metri potrà essere ridotto anche della metà. Solo 12 mesi dal momento della scelta della tipologia di imbarcazione fino alla sua consegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione