Sardegna: aree protette per salvaguardare le aragoste

Qualsiasi attività di pesca in queste zone è severamente vietata; le aragoste possono essere catturate solo per finalità di ricerca scientifica

13 Giugno 2016 | di Redazione Liguria Nautica

In Sardegna la pesca professionale vanta un grande produzione di aragoste sia in termini di qualità che di quantità. A Bona Marina, per proteggere questo speciale crostaceo, si sono create delle aree protette dove è vietata qualsiasi attività di pesca che possa nuocere loro o all’ambiente in cui esse vivono e si riproducono.

L’aragosta mediterranea, anche conosciuta con il nome scientifico Palinurus elephasvive solitamente in fondali ghiaiosi o rocciosi a profondità variabili tra i 20 e 110 metri; ma è possibile tuttavia trovarne alcuni esemplari anche a profondità più elevate. Può arrivare fino a 50 centimetri di lunghezza e solitamente si riproduce nei primi mesi invernali.

A causa di una pesca troppo intensiva e del mercato nero che ruota intorno alle aragoste di piccola taglia ( sotto i 24 cm di carapace), a Bona Marina si è deciso di intervenire in favore di questi crostacei istituendo delle zone di ripopolamento dove qualsiasi tipo di pesca, sportiva o professionale, è severamente proibita.

In queste aree, l’unica attività di pesca concessa è quella che ha finalità di ricerca scientifica: da alcuni anni, infatti, l’Università di Cagliari porta avanti un progetto che prevede una specifica marchiatura per le aragoste di taglia non commerciabile che poi vengono liberate all’interno di queste riserve protette. In seguito, alcune aragoste vengono “ripescate”, con l’utilizzo di reti autorizzate che non danneggino l’ambiente marino, per monitorare il grado di ripopolamento e confrontare i dati ottenuti.

Chiara Biffoni

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione