Storie e curiosità dell’industria navale italiana dagli archivi della Fondazione Ansaldo

Un viaggio a puntate alla scoperta dei tesori dell’industria navale italiana conservati dalla Fondazione Ansaldo

Nella storica Villa Cattaneo dell’Olmo di Genova Campi, la Fondazione Ansaldo raccoglie da decine di anni documenti, pubblicazioni, manufatti e molte altre testimonianze dell’evoluzione tecnologico-organizzativa, della cultura delle imprese genovesi e delle loro relazioni con la società. 

Fondazione Ansaldo nasce nel 1980 come archivio storico interno di Ansaldo e, dopo diverse trasformazioni giuridiche, nel 2000 diventa Fondazione nonché “archivio economico di conservazione” che raccoglie, conserva e valorizza gli archivi prodotti da società e industrie di vari comparti, tra i quali quello meccanico, elettromeccanico, siderurgico e cantieristico, che nel tempo si sono avvicendate sul territorio ligure e specificatamente genovese.

Fondata dall’allora Finmeccanica (oggi Leonardo), dal Comune di Genova, dall’allora Provincia di Genova (ora Città Metropolitana) e dalla Regione Liguria, la Fondazione è una istituzione senza fine di lucro dotata di personalità giuridica che si colloca tra il mondo della cultura e dell’impresa raccogliendo e tutelando un patrimonio prezioso per lo studio della storia, delle trasformazioni dei sistemi e delle politiche industriali, oltre che dei mercati. 

“Spesso le lacune degli archivi aziendali spiega Claudia Cerioli, responsabile per gli archivi storici e servizi bibliotecari per la Fondazione Ansaldo – vengono riempite dalle acquisizioni che riceviamo da privati cittadini. Si tratta di cessioni in comodato dove la proprietà è sempre del cedente”

Gli archivi di Fondazione Ansaldo

“Fondazione Ansaldo conserva più di 100 archivi per oltre 60 mila unità archivistiche e carte – precisa Claudia Ceriolipiù di 800 mila immagini su diversi supporti (negativi su lastra di vetro, pellicola, positivi sciolti, positivi in album in bianco nero e colore..) e più di 300 mila filmati. Gli archivi coprono un arco temporale che va dalla prima metà dell’800 con l’archivio Nossardi che riguarda la navigazione a vela, fino agli anni 2000 con quelli più recenti”.

A Villa Cattaneo dell’Olmo sono raccolti gli archivi delle grandi imprese tra cui Ansaldo, Costa, Ilva/Italsider, gli archivi di singoli imprenditori come quello di Francesco Manzitti, l’allora presidente del Consorzio Autonomo del Porto di Genova e quelli legati al mondo dell’impresa più in generale come l’archivio famigliare di Giovanni Ansaldo, fondatore dell’Ansaldo e dei suoi successori tra cui Francesco Gerolamo Ansaldo, capitano di lungo corso.

La nuova rubrica di Liguria Nautica: Genova e l’industria navale

Dopo aver descritto brevemente il patrimonio storico culturale della Fondazione Ansaldo e gli albori della cantieristica genovese, iniziamo il nostro viaggio a puntate alla scoperta dei tesori legati al mondo dell’industria navale italiana conservati dalla fondazione

In questa nuova rubrica, realizzata anche grazie al contributo di Amer Yachts, racconteremo delle avventurose spedizioni del capitano di lungo corso Francesco Gerolamo Ansaldo e dei suoi viaggi per mare alla scoperta dell’Oriente e delle Americhe. Grazie a diari di bordo, manoscritti, disegni, fotografie e molto altro, ripercorreremo l’evoluzione delle tecniche e delle modalità di navigazione e scopriremo come si viveva a bordo delle grandi navi che solcavano i mari di tutto il mondo. 

Parleremo di rotte commerciali, dell’evoluzione delle imbarcazioni e dei motori e racconteremo curiosità e storie inedite sui famosi transatlantici Rex e Andrea Doria. Queste e molte altre curiosità raccolte nei documenti custoditi da questa importante realtà, tutta genovese, designata alla tutela, alla conservazione ed alla valorizzazione del patrimonio storico-culturale dell’industria ligure ed italiana.

Archivi di Fondazione Ansaldo utilizzati 

  • Archivio Giovanni Battista Ansaldo 
  • Archivio Ansaldo 
  • Archivio Perrone
  • Archivio Costa
  • Archivio Giovanni Zoncada
  • Riviste Storiche Dell’epoca 
  • Fondo De Giovanni, dirigente Italia di Navigazione 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione