Un libro sugli antichi gozzi: memorie mediterranee per salvare un pezzo di storia

Il libro "Gozzi, pescatori e marinai" è edito da "La Nave di Carta" nella collana "Museo Navigante", dedicata alla riscoperta e valorizzazione del patrimonio marittimo materiale e immateriale

Gli antichi gozzi sono una specie in via di estinzione ma per secoli sono state le barche da lavoro di pescatori e marinai del Mar Mediterraneo. A raccontare la vicenda di queste antiche imbarcazioni che hanno fatto la storia dei vari mari è lo storico genovese della marineria Giovanni Panella nel volume “Gozzi, pescatori e marinai“, edito da “La Nave di Carta”.

Un vero e proprio viaggio dal Mar Tirreno alla Tunisia, dal Mar Adriatico al Mar Egeo, con un’inattesa scappata oltreoceano, a San Francisco, dove un gozzo è diventato il simbolo della comunità italiana. “Ogni volta che un tradizionale gozzo viene demolito – spiega Panella – perdiamo inevitabilmente un pezzo di storia. Per secoli queste barche sono state il mezzo di sostentamento delle comunità costiere e, in un certo senso, ne rappresentano la cultura, come testimoniano le decine di varianti locali”.

Infatti, a seconda della zona, i nomi cambiano in gozzi, gussu, vuzzi, guz, bussi, pointus, gajeta, barquette, lodsù, luzzu, dghajsa e mourre de pouar, ma le caratteristiche sono simili: lunghezza dai 4 ai 10 metri, poppa a punta, prua che si prolunga nella particolare pernaccia a cui fissare le reti e le cime, propulsione a remi oppure a vela latina o a tarchia, banco di voga al centro e puntate parzialmente.

Costruiti “ad occhio” dai maestri d’ascia, dei gozzi del passato esistono veramente pochi disegni, quasi sempre eseguiti in tempi recenti da studiosi, mentre sono invece numerose le tracce che queste barche hanno lasciato nella storia del mare, raccontate appunto nel libro. Le vicende delle barche si intrecciano, infatti, a quelle dei lavoratori del mare, pescatori, marinai, maestri d’ascia (a Levanto i F.lli Schiaffino), calafati e carpentieri, in un affascinante racconto corale dove non mancano le voci di grandi scrittori.

“Salvare gozzi per salvare la memoria” è l’appello dell’autore, che si fa anche portavoce di coloro che, con fatica, lavorano per salvare gli ultimi gozzi del Mediterraneo. Con questo interessante libro, “La Nave di Carta” rinsalda quindi la propria missione per la promozione della cultura del mare. Il volume è edito nella collana “Museo Navigante”, dedicata alla riscoperta e valorizzazione del patrimonio marittimo materiale e immateriale.

 

Guido Ghersi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione