Il primo pattugliatore del Qatar sarà costruito a La Spezia da Fincantieri

Nello stabilimento del Muggiano si è svolta la cerimonia per il taglio della lamiera del primo pattugliatore commissionato dal Ministero della Difesa del Qatar a Fincantieri

28 febbraio 2019 | di Giuseppe Orrù
La cerimonia del taglio della lamiera del primo pattugliatore del Qatar
La cerimonia del taglio della lamiera del primo pattugliatore del Qatar

Il Qatar lancia il suo programma di dotazione navale. E per farlo sceglie l’italiana Fincantieri. Mercoledì 27 febbraio, nello stabilimento del Muggiano, a La Spezia, si è svolta la cerimonia per il taglio lamiera del primo pattugliatore (OPV – Offshore Patrol Vessel), commissionato a Fincantieri dal Ministero della Difesa del Qatar, nell’ambito del programma di acquisizione navale nazionale.

Nell’aggiudicazione di questo prestigioso contratto, Fincantieri ha prevalso sugli altri competitor grazie ad un progetto ritenuto in assoluto il più avanzato e innovativo e all’esperienza maturata nella costruzione di navi hi-tech.

Il contratto, che per Fincantieri vale quasi 4 miliardi di euro, prevede la fornitura di sette navi di superficie, di cui quattro corvette, una nave anfibia (LPD – Landing Platform Dock), due pattugliatori (OPV – Offshore Patrol Vessel) e dei servizi di supporto in Qatar per ulteriori 10 anni dopo la consegna delle unità. Tutte le navi verranno interamente costruite nei cantieri italiani del Gruppo.

Il primo Offshore Patrol Vessel (OPV), di cui è stata tagliata la prima lamiera, è stato progettato in accordo con il regolamento Rinamil for Fast Patrol Vessel (FPV) e sarà un’unità altamente flessibile, capace di assolvere a molteplici compiti, che vanno dal pattugliamento al ruolo di nave combattente.

Avrà una lunghezza di circa 63 metri, una larghezza di 9,2 metri, una velocità massima di 30 nodi, e potrà ospitare a bordo 38 persone dell’equipaggio. L’impianto di propulsione prevede quattro eliche a passo variabile, due a dritta e due a sinistra, ciascuna in linea con un motore diesel di propulsione. Inoltre l’unità potrà impiegare un RHIB (Rigid Hull Inflatable Boat), imbarcato tramite una gru poppiera.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione