Le piattaforme sommerse della Concordia: a Genova un convegno per dire no allo smantellamento

L’Accademia Internazionale di Scienze e tecniche subacquee ritiene che tali strutture costituiscano una barriera artificiale perfetta che in breve potrebbe diventare un ecosistema ricco di flora e fauna. Oltre ai vantaggi per l'ambiente, di indubbia entità, non è secondario il risultato di creare all'Isola del Giglio un luogo di immersioni spettacolare ed unico al mondo

19 Novembre 2014 | di Redazione Liguria Nautica

Nel pieno rispetto dello spirito statutario, l’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee ha sposato l’iniziativa del Comune del Giglio che si batte per evitare il previsto smantellamento delle piattaforme costruite all’Isola del Giglio per sostenere il relitto della Concordia . Anche l’Accademia ritiene che tali strutture costituiscano una barriera artificiale perfetta che in breve potrebbe diventare un ecosistema ricco di flora e fauna. Oltre ai vantaggi per l’ambiente, di indubbia entità, non è secondario il risultato di creare all’Isola del Giglio un luogo di immersioni spettacolare ed unico al mondo che potrebbe confrontarsi, in quanto a richiamo di sub, con il Cristo degli Abissi di San Fruttuoso ed il relitto della Haven (Al largo di Arenzano), con evidente creazione di posti di lavoro e benefici per il turismo.

 

Il Sindaco del Giglio è entusiasta per l’iniziativa e incoraggia, ovviamente, a proseguire nell’Azione. Per sensibilizzare media ed opinione pubblica, l’Accademia organizza per il 25 novembre dalle ore 16 all’Acquario di Genova, un convegno che sarà anche l’occasione per confrontarsi con il Ministero dell’Ambiente che, al contrario, sostiene lo smantellamento delle piattaforme.

 

Prenderanno parte attiva al convegno cinque veri esperti che esprimeranno le loro opinioni sui i rispettivi argomenti: Giulio Relini (Università di Genova): introduzione alle problematiche delle barriere artificiali, Attilio Rinaldi (Fondazione Centro Ricerche Marine, Cesenatico): l’esperienza del “Paguro” in Adriatico, Giandomenico Ardizzone (Università La Sapienza, Roma): il “caso Costa Concordia” all’Isola del Giglio, Francesco Cinelli (Università di Pisa): Recupero del fondale: una palestra per lo studio della ricolonizzazione naturale, Lorenzo Del Veneziano (Istruttore subacqueo) L’esperienza di un diving sulla Haven.

 

Il ministro Galletti dovrebbe confermare la sua partecipazione e, in caso di impossibilità, manderà un suo rappresentante, e lo stesse vale per il Governatore della Toscana Rossi.

 

Scopo fondamentale del convegno è verificare le possibili motivazioni scientifiche a supporto della richiesta del Comune del Giglio di non smantellare le strutture d’acciaio subacquee realizzate per il recupero della Costa Concordia e procedere, dopo opportuna discussione, all’eventuale stesura di un documento per appoggiare la richiesta del Comune del Giglio.

 

Gianni Risso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

3 commenti

  1. Mauro ha detto:

    Sono d’accodo con Rolando, sulla Concordia hanno guadagnato tutti, in prima fila ci sono i gigliesi.
    Gli unici esclusi ( con estremo rispetto ) sono i poveretti che che sono morti.

  2. Rolando Bocchini ha detto:

    Fino a ieri richiesta di risarcimento milionario per danni ambientali etc. etc., …….ora richiesta di non smantellare le strutture…..ma lo sanno cosa vogliono????……risposta: SOLDI!!!!

  3. tommaso ha detto:

    A questo punto la mia proposta di lasciare la Concordia dove era, ovviamente ottimizzando l’impatto ambientale, ponendola in sicurezza e creando percorsi subacquei turistici visitabili sotto guida, non era così folle.
    Ma bisognava ….. non continuo per evitare censure.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione